MUTILATION RITES – Chasm

Pubblicato il 10/07/2018 da
voto
7.5
  • Band: MUTILATION RITES
  • Durata: 00:41:58
  • Disponibile dal: 20/07/2018
  • Etichetta: Argento Records
  • Distributore:

Quando una sola immagine val più di mille parole. Se volete infatti scendere tra gli abissi terreni più profondi e maligni, non dovete fare altro che mettere sul piatto del vostro giradischi il nuovo lavoro dei Mutilation Rites fissando intensamente la cover dell’album stesso. Un intruglio di ossa, teschi e ragnatele si aggrappa malinconico ad una serie di rampe di scale che conducono verso uno spazio nero indefinito, fatto di catene e torri in decadenza.
Se con il precedente “Harbinger”, anno 2014, il quartetto di New York City aveva egregiamente gettato le fondamenta di un metal oscuro dalle forte tinte scandinave, condito da venature post-black tipiche delle lande a stelle strisce, con il qui presente “Chasm” la band americana ha ulteriormente aggiustato il tiro, sparando sulla folla una mistura putrida, grezza ed altrettanto precisa di black/death davvero notevole. Poco più di quaranta minuti in cui la commistione tra il sound old-school made in Europa e le nuove sferzate mortifere d’oltreceano si aggrovigliano a meraviglia, distillando sei brani sì tirati e ferali senza tuttavia cadere nel temibile tunnel del treno monoritmico spesso carente di spunti personali.
Ci pensa l’opener “Pierced Larynx” a confermare quanto appena sostenuto: mitragliate black si alternano alla perfezione con stacchi più pastosi di matrice death, tra cui anche lo scream del chitarrista George Paul lascia il posto al growl del bassista Ryan Jones, andando così a sottolineare il continuo cambio delle ritmiche. Ad alimentare ulteriormente la varietà stilistica di “Chasm” ci pensa la successiva “Axiom Destroyer” dove strigliate thrash s’intersacano ottimamente tra la linee putrefatte disegnate dal lead-guitar Michael Dimmit. E se la coppia “Ominous Rituals” e “Post Mortem Obession” va a ricoprire la parte più glaciale e grezza dell’intero full-length, è la titletrack che definisce e testimonia la qualità tecnica dei quattro musicisti. La caduta non ha comunque tregua e la lunga, a tratti ipnotica, “Putrid Decomposition” si contraddistingue proprio per la sua capacità di abbinare la paurosa solitudine del vuoto alla cattiveria letale di questa spinta infinita verso il basso. Un brano, quello di chiusura, in cui è la sezione ritmica a farla da padrona: su tutti, il drummer Tyler Coburn.
Se volete dunque farvi trascinare nelle viscere desolate, fredde e perfide della terra, “Chasm” fa al caso vostro. Altrimenti, non pensateci, restate tranquilli sulla vostra poltrona.

TRACKLIST

  1. Pierced Larynx
  2. Axiom Destroyer
  3. Ominous Rituals
  4. Post Mortem Obsession
  5. Chasm
  6. Putrid Decomposition
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.