MYGRAIN – V

Pubblicato il 08/10/2020 da
voto
7.5
  • Band: MYGRAIN
  • Durata: 01:04:30
  • Disponibile dal: 02/10/2020
  • Etichetta:
  • Reaper Entertainment
  • Distributore: Universal

Spotify:

Apple Music:

“Finnish do it better”: Quando si parla di melo-death, nonostante le origini del genere siano qualche centinaio di chilometri più a sud, è indubbio che nel nuovo millennio la terra dei mille laghi abbia in qualche modo raccolto il testimone dalla vicina Svezia, sfornando una serie di band in grado di incarnare lo spirito primigenio arricchendolo con un manto malinconico. Tra i tanti rappresentanti lanciati dalla Spinefarm vanno citati anche i qui presenti Mygrain, scomparsi ultimamente un po’ dai radar (il penultimo full-length, “Planetary Breathing”, è del 2013), ma tornati per restare con questo “V”, quinto capitolo che ci consegna una band snellita nella line-up (passata da sei a cinque elementi con l’uscita della tastierista Eve) ma più che mai intenzionata a recuperare il tempo perduto. Se l’opener “The Nightmare” suona come un mix di Avatar e Norther, le successive “Out Of This Life” e “Summoned Duality” chiariscono meglio la trama del disco: un melo-death guidato da un guitar work ben bilanciato tra groove e tecnica, con una robusta dose di melodia vocale in stile Soilwork di metà carriera (periodo “Figure Number Five” e “Stabbing The Drama”) ed un massiccio utilizzo delle orchestrazioni in chiave power-prog (come gli Evergrey più ‘facili’). Al di là dei paragoni più o meno ingombranti, quello che colpisce di “V” è la capacità di mantenere sempre alta la tensione nonostante la durata sostenuta (poco sotto i sei minuti) ed una formula compositiva che, al netto della conclusiva suite “Waves Of Doom” con i suoi inserti folk-black, si mantiene abbastanza uniforme per tutta la tracklist. Onore al merito dunque al quintetto di Helsinky, a partire dal poliedrico cantante Tommy Tuovinen, per ricordarci come nel 2020 si possa ancora suonare dell’ottimo melo-death/power/prog senza dover per forza sembrare rétro.

TRACKLIST

  1. The Nightmare
  2. Out of This Life
  3. Summoned Duality
  4. The Way of The Flesh
  5. Haunted Hearts
  6. The Calling
  7. Game of Gods
  8. Stars Fading Black
  9. Fathomless Freefall
  10. Waves of Doom
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.