NACHTMYSTIUM – Resilient

Pubblicato il 05/12/2018 da
voto
7.0
  • Band: NACHTMYSTIUM
  • Durata: 00:25:03
  • Disponibile dal: 30/11/2018
  • Etichetta: Lupus Lounge
  • Distributore: Audioglobe

E’ possibile che da uno sbaglio compiuto possa prendere forma una imprevista opportunità? E’ questo ambiguo e suggestivo leit motiv ad animare la nuova prova discografica di Blake Judd, che dopo gli ormai noti scandali, la serie di truffe ai danni dei fan e il conseguente ritiro dalle scene, si ritrova oggi fuori dal tunnel della tossicodipendenza (o almeno così pare) e con un contratto con la Prophecy Productions/Lupus Lounge, etichetta da tempo leader in campo black metal atmosferico e affini che, sulla carta, potrebbe essere la sistemazione ideale per i Nachtmystium. Questi ultimi giungono ora al rilascio di questo atto inedito esattamente a quattro anni di distanza dal precedente “The World We Left Behind” – disco che avrebbe dovuto rappresentare l’epitaffio della formazione statunitense – e lo fanno con una line-up rinnovata, composta da Judd, dal polistrumentista tedesco Martin van Valkenstijn (attivo in diverse band e session per nomi come Empyrium e The Vision Bleak) e dal batterista Jean Graffio.
Sono tre i brani (più un intro) che tracciano il fil rouge di questo inaspettato ritorno, il quale, già da un primo impatto, rivela il buono stato di forma della band e rimette in primo piano la maturità e l’esperienza artistica del Judd musicista. E’ una tessitura dal richiamo sognante a farsi strada tra l’asciutta impostazione (black) metal, un ordito che spesso e volentieri consegna il centro del proscenio alle risapute divagazioni psichedeliche e floydiane care al frontman. Un incedere quindi elegantemente misurato e dilatato, ispirato sul versante melodico, vicino al materiale dell’ultimo album o alle parentesi più sperimentali e soft del vecchio repertorio; un viaggio che ha nella title-track e in “Desert Illumination” le tappe più accattivanti.
Senza strafare, con “Resilient” i nuovi Nachtmystium confezionano un EP dall’impatto essenziale, diretto, che evita confusi preamboli e punta dritto all’essenza della propria espressività. Fa piacere tornare a parlare di Blake Judd in questi termini. Speriamo ora che quest’ultimo si tenga lontano dai guai e continui a concentrarsi sulla musica.

TRACKLIST

  1. Conversion
  2. Resilient
  3. Silver Lanterns
  4. Desert Illumination
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.