NADER SADEK – The Malefic: Chapter III

Pubblicato il 09/11/2014 da
voto
7.0
  • Band: NADER SADEK
  • Durata: 00:20:37
  • Disponibile dal: 04/11/2014
  • Etichetta:
  • Distributore:

Il progetto Nader Sadek respinge la nomea di “meteora” del metal estremo con un nuovo EP di una densa ventina di minuti. Archiviato il live “Living Flesh”, siamo al cospetto del vero successore dell’apprezzato debut “In The Flesh”, il quale verrà rilasciato in allegato ai nuovi numeri di riviste come Decibel (USA), Terrorizer (Gran Bretagna) e Legacy (Germania). L’artista/compositore di origine egiziana ha per l’occasione rinnovato la lineup della sua band: il frontman Steve Tucker (ex Morbid Angel) è stato sostituito da Travis Ryan dei Cattle Decapitation, mentre al basso oggi troviamo Martin Rygiel, che può vantare un passato con Vader e Decapitated. Notevole questa volta anche la lista degli ospiti, fra cui possiamo citare Andreas Kisser (Sepultura), Alex Webster (Cannibal Corpse) e Bobby Koelble (ex Death). Pur presentandosi sempre come un calderone vagamente pretenzioso, il progetto si conferma tuttavia ben condotto e, soprattutto, efficace. La dipartita di Tucker ha certamente influito sull’indirizzo stilistico, visto che oggi riscontriamo meno similitudini con i Morbid Angel, ma l’impronta di Nader Sadek rimane comunque legata al death metal. Il suono è tutto sommato più moderno e contaminato, quasi a voler seguire le orme dei Cattle Decapitation (soprattutto quelli degli ultimi tempi), ma è opportuno sottolineare come in generale il combo cerchi di mediare, confezionando brani che mettano equamente in mostra sia ferocia che atmosfera, oltre ad un pizzico di trovate più disturbanti. Non a caso, Ryan qui si concede solo una vera parentesi lontana dal growling (a differenza di quanto espresso su un “Monolith Of Inhumanity”) e anche Flo Mounier, alla batteria, suona in maniera un filo più concreta, lasciando da parte quei pattern ultra concitati che è solito proporre con i Cryptopsy. Le finezze, semmai, arrivano dalla chitarra di Rune Eriksen: dopo tre pezzi tirati e impattanti, nella lunga “Descent” il Nostro riesce ad offrire tutto il suo campionario di arpeggi ipnotici, dissonanze e riff affilati di natura tanto death quanto black metal, per un risultato finale altamente affascinante. Questa traccia più lenta e magnetica potrebbe effettivamente aprire ulteriori vie per l’evoluzione di Nader Sadek, portandolo magari a cimentarsi anche con formule di matrice doom. Staremo a vedere, intanto “The Malefic: Chapter III” è quel che si dice una risposta più che appropriata a dubbi e malelingue. Se questo progetto manterrà una buona continuità nelle uscite, potrà seriamente farsi valere ai piani alti del genere.

TRACKLIST

  1. Deformation by Incision
  2. Carrion Whispers
  3. Entropy Eternal
  4. Descent
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.