NAER MATARON – ΖΗΤΩ Ο ΘΑΝΑΤΟΣ

Pubblicato il 29/08/2012 da
voto
6.5
  • Band: NAER MATARON
  • Durata: 00:36:40
  • Disponibile dal: 06/07/2012
  • Etichetta: Witching Hour
  • Distributore:

La band ateniese dei Naer Mataron è una delle migliori realtà dell’ottima scena extreme metal ellenica e una delle più longeve essendo stata fondata nel lontano 1994. Da quel momento fino al nuovo album i Naer Mataron hanno pubblicato ben sei full length. Nel corso degli anni la band è andata progressivamente perdendo il riffing black metal tradizionale, spingendosi oltre fino ad ottenere un metal estremo in cui principalmente death e black metal si fondono assieme. Questo processo era già iniziato sul precedente “Praetorians”, ma lo stile prevalente era e rimaneva il black metal. Ora, con il nuovo “ΖΗΤΩ Ο ΘΑΝΑΤΟΣ”, qualcosa è cambiato. Qui il black metal è diventato di supporto ad un death metal d’assalto, tremendamente violento. Lo screaming non esiste più, c’è solo un profondo growl come cantato, e anche il sound si è fatto assai più oscuro e pesante. La band non ha mai potuto nascondere il proprio amore per le parti tiratissime e ha dato sempre il massimo risalto alla batteria: anche stavolta i Naer Mataron non si smentiscono e presentano il batterista (italiano, attivo negli Azrath 11) Asmodeus Draco Dux, il quale conferma la sua fama di drummer devastante e preciso. Il sound particolarmente oscuro della release sembra voler evocare la rinascita di antichi culti proibiti della Grecia all’epoca del grande Alessandro, ma l’atmosfera purtroppo è assai diradata, sovrastata dalla violenza e dalla pesantezza di un sound death metal. Su questo album sembra proprio che i Naer Mataron abbiano scelto, coraggiosamente, la strada intrapresa anni fa dai polacchi Behemoth. Sappiamo tutti com’è andata, ma questo sentiero è particolarmente impervio e pieno di insidie per chi lascia la strada vecchia per la nuova. Bisognerà vedere, se questo è veramente l’intento del gruppo, se i Naer Mataron avranno anche la stoffa di una death metal band oltre ad esser stati un più che discreto gruppo black. Il nuovo album ha in comune ancora sufficienti elementi con il passato, ma la propensione a prevalere dell’elemento death metal sembra incontrovertibile. Per il momento i Naer Mataron riescono ancora a convincere grazie all’esperienza e alla proverbiale violenza del loro sound, il futuro tutto è da scrivere.

TRACKLIST

  1. Long Live Death (Intro)
  2. Apocalypse Of The Ancient One
  3. Sleepless Beings
  4. I Am Lucifer, Messenger Of Your Death
  5. Goat Worship
  6. Faceless Wrath Of Oblivion
  7. Parade Into Centuries
  8. Whisper Of Begotten Premonition
  9. The Cult Of Doom And Dagger
  10. Ode To Death (The Way Of All Flesh)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.