NASHVILLE PUSSY – Pleased To Eat You

Pubblicato il 11/09/2018 da
voto
7.5
  • Band: NASHVILLE PUSSY
  • Durata: 00:45:22
  • Disponibile dal: 07/09/2018
  • Etichetta:
  • earMusic
  • Distributore: Edel

Spotify:

Apple Music:

E’ passato un po’ di tempo dall’uscita di “Let Them Eat Pussy”, il grintoso debutto dei Nashville Pussy e, a distanza di una ventina d’anni, scalda il cuore vedere come il gruppo persegua lo stesso fine con la stessa baldanza degli esordi. Il fine, naturalmente, è quello di suonare della musica sporca e grezza, quel filthy rock and roll che tanto piaceva a Lemmy (i Nashville sono da sempre stati una sua raccomandazione), pieno di riff rocciosi, voci da redneck e testi riguardanti sbronze, risse e spogliarelliste. Certo, alcuni palati fini potrebbero aver soprasseduto sull’effettiva bontà dei Nostri nel corso degli anni, ma i palati fini non interessano alla band. L’attitudine c’è ancora tutta e, la bella conferma è quella, anche la musica. “Pleased To Eat You” è fresco, s’insinua nella testa come un virus, non inventa niente – niente! – ma ci si ritrova a svegliarsi la mattina col riff di “She Keeps Me Coming And I Keep Coming Back” radicato nel cervello e a doverlo esorcizzare con un altro ascolto del disco.
I pezzi hanno diverse sfaccettature ma ovviamente ruotano attorno ai riff volgari di Ruyter Suys, al loro essere diretti e alla capacità di costruire dei ritornelli da concerto come quello di “Go Home And Die” o dell’anticipata “We Want A War” (il cui riff, curiosamente, ricorda tantissimo – e casualmente, di certo – quello di un famoso brano dei Litfiba), dove la mai troppo decantata sezione ritmica sorregge tutto l’impianto con quello che serve in un genere scarno come questo rock and roll, ovvero tiro e semplicità.
Insomma, i Nashville Pussy fanno quello che riesce loro meglio, tra dediche a Lemmy (“One Bad Mother”, “Endless Ride”), pezzi che trasudano bourbon (la gustosa “Drinking My Life Away”) e qualche inserimento molto southern come l’armonica della zztoppiana “Hang Tight” o una cover dei Nazareth che più rock and roll non si può. In definitiva, se la musica dei Nashville Pussy non vi era mai piaciuta, non sarà questo disco a farvi cambiare idea. Se invece siete dalla parte giusta della barricata, andate sul sicuro.

TRACKLIST

  1. She Keeps Me Coming and I Keep Going Back
  2. We Want a War
  3. Just Another White Boy
  4. Go Home and Die
  5. Low Down Dirty Pig
  6. Testify
  7. One Bad Mother
  8. Woke up This Morning
  9. Drinking My Life Away
  10. Endless Ride
  11. Hang Tight
  12. Cckmp
  13. Tired of Pretending That I Give a Shit
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.