NATIONAL SUICIDE – THe Old Family Is Still Alive

Pubblicato il 30/07/2009 da
voto
7.0
  • Band: NATIONAL SUICIDE
  • Durata: 00:37:08
  • Disponibile dal: //2009
  • Etichetta: My Graveyard Productions
  • Distributore: Masterpiece

Thrasher mano al portafoglio, sempre che non lo abbiate già fatto, visto il ritardo con cui questo disco è arrivato in redazione. Già perché qui ci troviamo di fronte ad un’altra buona old school thrash metal band, questa volta tutta italiana. Sin dal logo, palesemente ispirato a quello dei Nuclear Assault, e dall’artwork si intuiscono le intenzioni dei trentini National Suicide: puro e semplice thrash metal ottantiano derivato sia dai newyorkesi Overkill che dalle formazioni della Bay Area, Exodus in primis. Non è però solo la vicinanza stilistica a livello compositivo, strumentale e di attitudine ad avvicnare la band trentina a questi grandi nomi, perché anche la voce di Mini pare un incrocio tra quella di Bobby “Blitz” Ellsworth (soprattutto) e quella di Steve “Zetro” Souza. La devozione del gruppo verso sonorità che hanno reso grande  questo sottogenere del metal si traduce in una decina di brani selvaggi, d’impatto e molto adrenalinici come dimostra la stessa opener “National Suicide”. Riff serrati, vocals graffianti, ritmiche aggressive rese varie da più cambi di tempo, stop and go e accelerazioni che colpiscono dritte nel segno. L’headbanging è  d’obbligo anche con la successiva e trascinante “Nu Posers Don’t Scare Anyone” e con la devastante “Let Me See Your Pogo”, brano tra Testament e Exodus che si preannuncia una vera bomba dal vivo. Non da meno “Please Welcome… My Friends!” e la conclusiva “This Is A Raid”, veri e propri tributi al thrash americano dei tempi d’oro. Tutti i reparti della formazione sono tecnicamente ben preparati, dalla sezione ritmica alla coppia di chitarre e traspare già una professionalità non comune in una band all’esordio. Unico piccolo appunto è la voce di Mini, che a tratti appare un tantino stridula e per questo alla lunga potrebbe stancare chi è meno avvezzo a questo tipo di cantato. Non si può parlare di album originale, ma chi apprezza le nuove leve che si rifanno fieramente al passato come Evile, Warbringer o i nostrani Hyades, non ci pensi due volte e dia un ascolto ai National Suicide.

TRACKLIST

  1. National Suicide
  2. Nu Posers Don't Scare Anyone
  3. The Old Family Is Still Alive
  4. Let Me See Your Pogo
  5. Wanted
  6. Into The Clubhouse
  7. Please Welcome... My Friends!
  8. Sucks 'n' Artillery
  9. This Is A Raid
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.