NECROWRETCH – Satanic Slavery

Pubblicato il 09/04/2017 da
voto
7.5
  • Band: NECROWRETCH
  • Durata: 00:38:34
  • Disponibile dal: 14/04/2017
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

I Necrowretch vanno avanti a testa bassa. Non sarebbe da loro rallentare o ammorbidirsi, nonostante siano oggi evidenti alcuni accorgimenti nel songwriting che rendono il nuovo materiale un filo più “garbato” rispetto alle nefandezze incluse nel precedente “With Serpents Scourge” e, soprattutto, nel debut album “Putrid Death Sorcery”. Niente di particolarmente complesso, ma una sapiente costruzione melodica che piazza avvitamenti un po’ ovunque, alternando un approccio beffardo con quello più sguaiato e quello più scarno, old school e rumoroso, durante il quale il trio opera sempre con un perfido ghigno sulle labbra. La velocità media è come sempre elevatissima, ma la giungla nera di brani come “Sprawl of Sin”, “Tredeciman Blackfire” o “Verses from the Depths” denota come i malefici ragazzi francesi non disdegnino ora il raggiungimento di un maggiore equilibrio: se da un lato la resa sonora secca e vibrante richiama le loro esibizioni live, dall’altro lo sviluppo delle composizioni riesce a inglobare brevi momenti più eterei, avvolgenti e dilatati. Oggi più che nella proposta del gruppo si percepisce l’influenza della vecchia scuola death-black svedese: i Necrowretch probabilmente non potranno mai vantare il controllo e l’armonia dei Dissection, ma va apprezzato il desiderio dei Nostri di provare nuove soluzioni e di spingersi in terreni un poco più impervi. Del resto, pare proprio che la materia Anni ’90 sia conosciuta alla perfezione da Vlad e soci: una suggestione che va ad aggiungersi alle inamovibili ispirazioni di primi Death, Possessed e Sarcofago. Servirebbe ora maggioore coraggio sul fronte ritmico e una capacità di aprirsi al midtempo, in modo da conferire alla tracklist più varietà, respiro e, in ultimo, longevità. In ogni caso, dagli sforzi della band continua a trasparire un sincero entusiasmo e una vitalità che piace fin dai primi ascolti, qualità che spesso riescono a sistemare in corsa le ingenuità e che, a conti fatti, ci rendono sempre simpatici questi ragazzi. “Satanic Slavery” è un altro solido capitolo nella loro forsennata carriera.

TRACKLIST

  1. Sprawl of Sin
  2. Tredeciman Blackfire
  3. Satanic Slavery
  4. Evil Names
  5. Hellspawn Pyre
  6. Bestial Rites
  7. Curse of Blasphemy
  8. Verses from the Depths
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.