NEXUS OPERA – La Guera Granda (The Great Call To Arms)

Pubblicato il 19/04/2021 da
voto
6.5
  • Band: NEXUS OPERA
  • Durata: 00:56:50
  • Disponibile dal: 23/04/2021
  • Etichetta:
  • Revalve Records

Spotify:

Apple Music:

Un salto indietro nel tempo per questo secondo concept dei romani Nexus Opera; se nel primo lavoro del 2004 avevano sviluppato il tema della Seconda Guerra Mondiale, in questo “La Guera Granda (The Great Call To Arms)” si raccontano le vicende del fronte austro-italiano durante la Prima Guerra Mondiale, dalle battaglie eroiche alle sanguinose ritirate fino alla vittoria del 4 novembre 1918. Questa opera era pronta prima dello scoppio della pandemia, ma per vari motivi la sua uscita è stata ritardata; fatto sta che comunque il gruppo era riuscito ad iniziare la stesura durante le commemorazioni del centenario del primo conflitto mondiale e, dopo alcuni cambi di formazione, aveva trovato la sua strada maestra. I due fondatori, nonché chitarristi, Marco Giordanella e Alessandro Pinna hanno sottolineato l’incedere delle truppe nei vari momenti di battaglia con molti riff e taluni assoli, avvalendosi del suono caratteristico del power anni ’90, con sonorità comparabili ai primi White Skull e Arthemis. La parte ritmica, con Alessandro Novelli alla batteria e Natale Cosenza al basso, detta i cambi di ritmo nei momenti di pathos, come nella tirata “Raid Over Vienna” dove viene narrata la sorvolata da parte di D’Annunzio su Vienna e il lancio di volantini riportanti l’imminente vittoria italiana, o nella sincopata e ben riuscita “If Even The Sky Burns”, che sviluppa la figura del maggiore Francesco Baracca, l’eroe dell’aria. La voce di Davide Aricò, non sempre allo stesso livello della musica in fase di mixaggio, viene spesso affiancata da cori di incitamento o simili agli Alpini che rendono più epici i racconti, come nella canzone di apertura “Great Call To Arms”. Passando dall’altopiano di Asiago al Carso, dal fiume Piave al mare Adriatico, le storie de “La Guera Granda” sono macchiate di lirismo e malinconia, quest’ultima sottolineata con la voce di una soprano che qua e là impreziosisce alcuni passaggi, assieme alle orchestrazioni e alle sinfonie che vengono create delle tastiere di Gianfrancesco Araneo; a volte però i suoni troppo elettronici, simili a quelli di Derek Sherinian, stonano con il contesto storico-musicale. Alla conclusione dei cori in “Ignoto Militi”, si può notare come il valore aggiunto di questo concept sia la grande ricerca che è stata fatta per mettere in musica le vicende narrate, le quali si mostrano così come canzoni dalle partiture costruite su alcuni ricami sinfonici e con una base di classic power metal dai molteplici cambi di ritmo.

TRACKLIST

  1. Great Call to Arms
  2. Strafexpedition
  3. Raid Over Vienna
  4. M.A.S.
  5. Dreams Fade Away
  6. Trenches
  7. The Mine
  8. The River
  9. If Even Sky Burns
  10. Ignoto Militi
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.