NIGHT IN GALES – Five Scars

Pubblicato il 06/12/2011 da
voto
7.5
  • Band: NIGHT IN GALES
  • Durata: 00:44:41
  • Disponibile dal: 07/11/2011
  • Etichetta: Lifeforce Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Dieci anni di sparizione belli pieni, con solo qualche accenno e tentativo di ritorno in pista, mai portato a termine a dovere, vuoi per impegni musicali paralleli, vuoi per problematiche interne alla band, vuoi per ragioni private: ma ora, finalmente, i melo-deathsters tedeschi Night In Gales sono riusciti nell’impresa di presentarci alle orecchie un nuovo lavoro sulla lunga distanza, stolidamente valido e pure bellissimo! Con l’ultimo vagito, “Necrodynamic” (2001), Bjorn Goosses e compari si erano lanciati in una sfuriata thrash-death metal al fulmicotone, dimenticando quasi completamente le melodie sopraffine, epiche e nostalgiche che avevano caratterizzato fortemente i loro primi tre lavori, fra i quali “Towards The Twilight” e “Thunderbeast” sono i meglio rappresentativi del particolare death metal melodico proposto dai ragazzi di Colonia: una commistione originale tra il tipico melo-death di primi In Flames e Dark Tranquillity e agganci al thrash metal di stampo teutonico. Ebbene, questo brevissimo excursus nel passato dei Night In Gales solo per dirvi che il nuovo “Five Scars” si riappropria del tipico sound NIG e lo fa con gran maestria e brillante ispirazione, regalandoci un’ottima manciata di episodi incentrati su melodie – hook di chitarra, chorus puliti, arrangiamenti d’archi, riffing black-death, strofe malinconiche – che spiccano per intensità e gusto, coadiuvate da una violenza che comunque raramente pare scemare e mai viene messa da parte dal gruppo. Basti sentire, in tal senso, l’ustione di AtTheGatesiana memoria di “Endtrip”, quasi un tributo alla band di ‘Tompa’ Lindberg ma impossibile da criticare. “The Tides Of November” è dolcissima e potente allo stesso tempo, il prototipo dell’approccio Night In Gales al death metal melodico, un pezzo esplosivo; mentre l’altrettanto potente “Whiteout” presenta richiami all’hard-rock che non possono non esaltare. Ma è tutto “Five Scars” che, senza farci strappare i capelli, si lascia ascoltare in modo fluido e tranquillo, come fosse il ritrovarsi a parlare dopo tanto tempo con un vecchio amico. La band si auto-cita spesso, anche e soprattutto a livello lirico, ma è un difetto talmente lieve che proprio non infastidisce. Un bellissimo comeback, quindi, per una formazione che è stata sottovalutata per anni e che speriamo ora riesca ad uscire di forza dall’oblio.

TRACKLIST

  1. Epitaph
  2. This Neon Grave
  3. Days Of The Mute
  4. Five Scars
  5. Void Venture
  6. The Tides Of November
  7. Life Denied
  8. Endtrip
  9. Whiteout
  10. A Mouthful Of Death
  11. Bloodsong
  12. Blackmouth Blues
  13. The Wake
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.