NIGHTFUCKER – Nightfucker

Pubblicato il 30/07/2019 da
voto
7.0
  • Band: NIGHTFUCKER
  • Durata: 00:36:22
  • Disponibile dal: 12/07/2019
  • Etichetta: Sentient Ruin
  • Distributore:

Oltre alla marcissima e ipnotica copertina, basterebbe il nome di Dominic Finbow per attirare la nostra attenzione sul debut dei Nightfucker, incarnazione mefitica proveniente da Vancouver, Canada. Già chitarrista dei fondamentali Moss, il mite Finbow rimette in piedi certe terribili veemenze già presenti nel combo inglese e le rimesta in un doom qui completamente assente da voci pulite e che, come da tradizione, sembra scaturire dal suono di un lento schiacciasassi intento a riasfaltare la strada davanti casa vostra, magari nel frattempo prendendo sotto qualche sprovveduto i cui lamenti si perdono tra le chitarre. Un suono che sembra gorgheggiare con lentezza ma impetuosa sofferenza dalle più infestanti bolge infernali, laddove non riusciamo a non ricercare nel suono dei Nightfucker qualcuna delle destrutturazioni tanto care ai Moss. E qualcosa troviamo, senza dubbio, ma vi ritroviamo anche un voler rimanere ancorati ad una certa tradizione doom che non disdegna il riff rallentato all’impossibile contro il puro impietoso accordo di matrice più sludge. Sembra un disco interlocutorio a modo suo, questo self titled dei Nightfucker, dove si sono volute mettere in quattro brani per circa quaranta minuti un po’ di anime diverse, una serie di suggestioni vomitate da un cielo nero come la pece. Un incedere mastodontico e destabilizzante che però si lascia ascoltare con un certo piacere, si fa per dire, vista l’innegabile capacità del trio di gettare, forse un po’ alla rinfusa, diversi indizi che, pur incespicando qua e là, ritrovano una propria via e generano, comunque, malumore e morbosità. C’è una maggior consapevolezza di sé in brani come la opener o come “Death Beset”, dove la formula sembra trovare il compimento perfetto, un voler dichiarare guerra all’umanità, e sebbene non si sia ancora alla perfezione, per il momento questo verbo fatto carne putrescente sembra ben promettere. Aspettiamo si metta in piedi per bene.

TRACKLIST

  1. Temptation's Curse
  2. Worthless Spirit
  3. Addiction Sentence
  4. Death Beset
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.