NIGHTRAGE – A New Disease Is Born

Pubblicato il 09/03/2007 da
voto
7.0
  • Band: NIGHTRAGE
  • Durata: 00:46:13
  • Disponibile dal: 12/03/2007
  • Etichetta: Lifeforce Records
  • Distributore: Andromeda

Spotify:

Apple Music:

Le novità non finiscono mai in casa Nightrage. Stabilizzata finalmente la lineup con l’arrivo del frontman americano Jimmie Strimell – ben più entusiasta e partecipe di Tomas Lindberg – e del batterista svedese Alex Svenningson, i nostri hanno prima rimediato un nuovo contratto discografico con la Lifeforce Records e poi recentemente trovato un nuovo chitarrista nella persona di tale Constantine, ragazzo proveniente dalla Grecia proprio come il leader Marios Iliopoulos. Accasati presso quella che oggi è una delle migliori label presenti sulla piazza e forti di una formazione che sembra una volta per tutte destinata a durare nel tempo, i Nightrage tornano alla carica con "A New Disease Is Born", il terzo full-length della loro carriera. Il disco, a dispetto dell’ennesima rivoluzione avvenuta in seno alla band, non segna però un deciso cambio di rotta per i Nightrage, che continuano come sempre a macinare tradizionale melodic death metal di stampo svedese, infarcendolo di numerose parentesi acustiche e di linee vocali sempre piuttosto variegate. Per quanto riguarda a queste ultime, va segnalato come il buon Jimmie Strimell, grazie alle sue notevoli clean vocals, riporti a tratti il gruppo sulle coordinate del debut "Sweet Vengeance" (ad oggi il lavoro più melodico della discografia), mentre a livello musicale siamo invece alle prese con del materiale che pesca a piene mani sia dai due precedenti full-length, sia (come al solito) dalle opere dei vari In Flames e Arch Enemy. Il disco sostanzialmente può essere visto come un incrocio fra "Sweet Vengeance" e "Descent Into Chaos", poichè prende dal primo le linee vocali e la passione per gli intermezzi sognanti e dal secondo il rifferama thrasheggiante e la capacità di sintesi. Nel complesso, abbiamo a che fare con un lavoro piacevole e che si lascia ascoltare volentieri, nonostante alcuni riff decisamente triti e una maniera di strutturare le song che lascia poco spazio all’immaginazione. La band non sembra dunque volersi allontanare dai classici stilemi melodic death metal… non vuole rinnovare un genere, bensì rivisitarlo nel modo più convincente possibile. E, alla luce di ottimi pezzi come "Spiral" e "A Condemned Club", l’obiettivo ancora una volta è stato centrato…. "A New Disease Is Born" è un album valido tutto sommato quanto il precedente "Descent Into Chaos".

TRACKLIST

  1. Spiral
  2. Reconcile
  3. Death-like Silence
  4. A Condemned Club
  5. Scars Of The Past
  6. De-fame
  7. Scathing
  8. Surge Of Pity
  9. Encircle
  10. Drone
  11. Spiritual Impulse
  12. A New Disease Is Born
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.