NIGREDO – Flesh Torn – Spirit Pierced

Pubblicato il 16/04/2018 da
voto
6.5
  • Band: NIGREDO
  • Durata: 00:41:50
  • Disponibile dal: 15/04/2018
  • Etichetta: Transcending Obscurity
  • Distributore:

Parlare di supergruppo, in questo caso, può forse essere un azzardo, ma è indubbio come l’unione di un membro dei Ravencult nella figura del cantante e chitarrista Alexis e del batterista Maelstrom (Dephosphorus, Thou Art Lord) meritino di concedere ai Nigredo un ascolto quantomeno curioso. Dopo un EP introduttivo datato 2015, il combo greco giunge al traguardo del primo full-length con un lavoro compatto e piacevole, che odora di alchimia, afflati mistici e tanta, sanissima cattiveria; la loro proposta è un quadratissimo black thrash che assale l’ascoltatore senza troppi fronzoli nei primi brani (in particolare “Ten Repellent Antoforces”), ove non mancano anche indizi eloquenti di un certo amore per la dimensione più glaciale del genere – in particolare il basso compatissimo e il suono ruvido ma privo di variazioni ricorda a tratti persino i Mysticum. Da “Choronzon Possession” in poi, le chitarre si aprono a un’ariosità più old school, sempre in equilibrio tra la dimensione più malefica e quella più ipnotica di nordica memoria: per esempio nell’ottimo ricorso agli armonici di “Saturnian Death Cult”, forte anche di un lavoro di batteria davvero esaltante, e in “Sons Of Worthlessness”, sorta di trasfigurazione di certe sonorità di casa Mayhem attraverso il filtro del vecchio thrash teutonico. Ci sono poi diversi momenti nostalgici dei primi Slayer, in particolare su “Mental Glimpses At Cosmic Horrors”, che strizza l’occhio nel riff iniziale a un classico immarcescibile come “Black Magic”, o “Towards The Monolith”. Non c’è insomma nulla che manchi per il genere proposto, e anche la scelta di un approccio vocale sporco, quasi –core, funziona; l’unica pecca, per rifarci all’ultima traccia citata, è come agli ascolti successivi questo “Flesh Torn – Spirit Pierced” risulti forse un po’ troppo monolitico: per completare, insomma, la loro Opera al Nero (il monicker della band rimanda infatti a una delle fasi fondamentali del processo alchemico), ai Nigredo manca un minimo di varietà in più, ma le basi sono concrete e potenti.

TRACKLIST

  1. Ten Repellent Antiforces
  2. Necrolatry
  3. Choronzon Possession
  4. Mental Glimpses At Cosmic Horrors
  5. Saturnian Death Cult
  6. Sons Of Worthlessness
  7. Towards The Monolith
  8. Raging Tides Of Time
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.