NINOTCHKA – Temporalità

Pubblicato il 15/06/2021 da
voto
8.0
  • Band: NINOTCHKA
  • Durata: 00:41:06
  • Disponibile dal: 20/05/2021
  • Etichetta:
  • NOS Records
  • Distributore: Contempo Records

Spotify:

Apple Music:

Gli episodi di grande musica italiana esistono – oltre l’emisfero sempre più ampio del cosiddetto ‘indie’ (nel quale oramai si ficca un po’ di tutto), e anche al di fuori dal sottoinsieme sempre più caotico dove rientrano i tentativi per realizzare un nuovo cantautorato figlio dei maestri novecenteschi. Esistono album che si collocano in posizioni volutamente scomode, incastrandosi splendidamente tra i generi e tra le possibilità offerte in dote dalla musica contemporanea internazionale. È il caso di “Temporalità”, esordio del progetto Ninotchka, portato avanti dal polistrumentista Mimmo Pesare, affiancato nella produzione da Marco Ancona, avvalendosi della partecipazione di numerose personalità dell’underground italiano di altissima qualità – da Georgeanne Kalweit dei Delta V a Emidio Clementi dei Massimo Volume.
Si tratta di un lavoro variegato e complesso, dove le coordinate archetipiche elettroniche del trip-hop (da Massive Attack e Moby in poi) si coniugano con scioltezza a elementi post-rock, con ampie incursioni in atmosfere new wave e dark jazz, senza mai rinunciare a un gusto compositivo vicino a quel pop meno facile che, talvolta, negli ultimi vent’anni, ha raggiunto la superficie delle classifiche. Un album caratterizzato dall’importante potenzialità di essere trasversale, godibilissimo per fasce di pubblico ampie, anche perché ogni brano va a comporre un nucleo a sé stante – nonostante ci sia una forte coerenza stilistica per tutta la durata del lotto.
Se l’apertura con “Mare Crudele” e “Scegli” sembra prediligere una dimensione quasi radiofonica (con ritornelli canticchiabili o arrangiamenti da ballad pop rock), dalla titletrack in poi la dimensione dell’album esplode in una poderosa ricerca sonora e tematica: chitarre e archi che ricordano i God Is An Astronaut (in “Temporalità” e in “Haiku, Pt.1”), cupa sporcizia elettronica figlia di certi episodi di Venetian Snares (nella splendida “In Nessun Posto” e nell’opening track), atmosfere notturne e alcoliche impastate nel magistero di Bohren & Der Club Of Gore (in “Cosa comincia” e in “Haiku, Pt.2”). Il percorso musicale, però, trova reale completezza nella gestione dei testi: clamorosamente alti, forti di una poetica urbana e abissale, sempre nitidi e lapidari – e si verifica una sorta di accadimento semiologico, come se la musica fosse il significante e le lyrics il significato, ottenendo un album che fa di sé una semiosfera musicale e linguistica irripetibile (non a caso Mimmo Pesare, professore presso la facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università del Salento, è tra i massimi studiosi italiani di Jacques Lacan).
Ninotchka si configura così come uno dei progetti musicali italiani attualmente più interessanti, dove davvero l’incontro quasi multidisciplinare tra scrittura per musica e ricerca sonora deflagra in qualcosa di ipnotico e in grado di rimanere impresso nel canone privato di ogni ascoltatore. E si colloca in un periodo che, per esperienze di questo tipo, sembra particolarmente florido – tra capolavori ultrasperimentali come “Ira” di Iosonouncane, il ripiegamento di Caparezza verso ricerche lontanissime dalle tendenze mainstream, mentre i Massimo Volume e Il Teatro Degli Orrori vengono ormai considerati dei classici contemporanei.
Si attende dunque un altro capitolo di questo progetto, certi che potrà essere delicatamente fulminante come questo esordio prezioso.

TRACKLIST

  1. Ninotchka – Tema
  2. Mare Crudele
  3. Scegli
  4. Temporalità
  5. In Nessun Posto
  6. Haiku, Pt.1
  7. Cosa Comincia
  8. Haiku, Pt.2
  9. Scegli – Reprise
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.