NOCTEM – Oblivion

Pubblicato il 08/10/2011 da
voto
6.5
  • Band: NOCTEM
  • Durata: 00:54:02
  • Disponibile dal: 13/06/2011
  • Etichetta: Rising Records
  • Distributore: Audioglobe

Provengono dalla Spagna, i Noctem, e più precisamente da Valencia, vivace e assolata città del sud della penisola iberica. “Oblivion” è il secondo album di questo quintetto, e di assolato ha ben poco ,essendo il secondo capitolo di una trilogia iniziata con “Divinity” – loro disco di debutto – che ha come argomento centrale la scomparsa delle popolazioni indigene a causa delle colonizzazioni ispaniche. “Oblivion” tratta principalmente della colonizzazione dell’America del Sud, prestando particolare attenzione alle barbarie commesse nei confronti di una popolazione come quella dei Maya. Una volta tanto, quindi, i temi trattati non scivolano nell’anonimato o nella scontatezza della stragrande maggioranza dei gruppi. Dal punto di vista musicale, parliamo di un black/death metal di stampo decisamente moderno, con batteria ultratriggerata, riffing affilato e una certa maestosa epicità di fondo. Diciamo quindi che sicuramente ci sentiremmo di consigliare questo platter – e questa band – agli amanti di sonorità alla Belphegor, Dark Funeral e, soprattutto, Behemoth. La tracklist infatti scorre via in maniera piacevole, tra stop and go al fulmicotone, blast beat come se piovesse, aperture maestose, scream vocals ulceranti e via dicendo. Non si segnalano veri e propri cali di tensione (al limite, giusto la parte centrale appare un po’ macchinosa) tanto che, pur non trattandosi di nulla di realmente sorprendente, ci viene da definire “Oblivion” un disco che si ascolta volentieri. Una piccola nota di demerito tuttavia la merita la produzione: almeno a parere di chi scrive, un suono potentissimo, bombastico e ultra pompato toglie un bel po’ di personalità alla band, dote di cui comunque i nostri non abbondano già di per sè. E’ pur vero che, oggi come oggi, la maggior parte delle produzioni è fatta in questa maniera, forse per rendere più appetibile la proposta alle orecchie più “impressionabili”. In ogni caso, è un lavoro più che dignitoso, quello dei Noctem, sicuramente consigliato agli amanti del genere. Sarà interessante sentire come finirà questa trilogia: questo sembra essere il capitolo della presa di coscienza, chissà che il prossimo non sia quello della consacrazione?

TRACKLIST

  1. Popol Vuh
  2. The Arrival of the False Gods
  3. Universal Disorder
  4. Abnegation And Brutality
  5. Invictus
  6. Sons Of Hun-Vucub
  7. Seeking The Ruin Of Souls
  8. Unredemption
  9. Q'uma'rka'aa'j
  10. A Borning Winged Snake
  11. Oblivion
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.