NOCTURNAL DEPRESSION – Spleen Black Metal

Pubblicato il 12/09/2015 da
voto
7.0
  • Band: NOCTURNAL DEPRESSION
  • Durata: 00:46:51
  • Disponibile dal: 11/05/2015
  • Etichetta: Avantgarde Music
  • Distributore: Audioglobe

Un consiglio: state alla larga da questo disco se siete tristi o giù di morale. Potreste non riprendervi più. Se invece siete un po’ masochisti o se provate un’attrazione irrefrenabile nei confronti delle sonorità cupe e desolanti – nella fattispecie riconducibili al filone black metal – fatevi pure avanti e preparatevi a circa cinquanta minuti di tormento. Un tormento che, va detto, sovente si tinge dei colori tenui e delicati della malinconia, dando quasi l’impressione di dissiparsi, ma che sempre tale rimane e che proprio per questo non smette mai di ferire nel profondo del cuore l’ascoltatore. I Nocturnal Depression, dopo un decennio di carriera e un numero ragguardevole di uscite tra demo, split e full-length, ormai sanno molto bene come maneggiare certi stati d’animo, non sentendo più la necessità di ricorrere a produzioni lo-fi o di ispirarsi in tutto e per tutto ai maestri Xasthur e Forgotten Tomb per evocarli. “Spleen Black Metal” è la perfetta trasposizione di quanto detto: il suono è pulito, definito, lontano anni luce dall’effetto “zanzaroso” della scuola depressive più incorruttibile, e si dipana attraverso brani dal taglio sofferto e poetico, in cui i ruoli di attori protagonisti spettano alla vocalità disperata del frontman Cédric Grégoire e ai pregevoli origami partoriti dalla coppia d’asce, sempre puntuali nel sottolineare la carica drammatica di alcuni passaggi con lead e arpeggi a dir poco struggenti. Rispetto al passato il songwriting si è fatto quindi molto più dinamico e brioso, tanto da incorporare con insistenza elementi post-rock, e questo ovviamente si riflette nel quadro generale della tracklist, donandogli carattere, personalità e sfumature cromatiche tanto gradite quanto inaspettate. Una “L’Isolement”, con il suo attacco in odore di primi Alcest, o una “Méditation Grisâtre”, in cui fanno la loro comparsa decadenti linee di violino, crediamo che bastino a dimostrare il livello raggiunto dalla formazione di Grenoble nel 2015, ormai prossima a compiere il definitivo salto di qualità verso i piani alti del circuito black metal europeo.

TRACKLIST

  1. Elégie
  2. L'Isolement
  3. Acédie
  4. Méditation Grisâtre
  5. Un Immense Désespoir
  6. Remords Posthume
  7. Spleen Black Metal
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.