NOCTURNAL RITES – Lost In Time

Pubblicato il 27/02/2005 da
voto
6.5
  • Band: NOCTURNAL RITES
  • Durata: 01:15:42
  • Disponibile dal: 21/02/2005
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: Self

Gli svedesi Nocturnal Rites tagliano il traguardo dei dieci anni di attività e per l’occasione, in accordo con la loro casa discografica Century Media, decidono di raccogliere in un unico cofanetto i loro primi due album, ormai irreperibili. Si tratta del disco di debutto “In A Time Of Blood And Fire”, realizzato nel 1995 per la piccolissima label Megarock Records, e del discretamente famoso “Tales Of Mystery And Imaginations”, edito originariamente nel 1997 dalla Dark Age Music in Giappone e reso disponinibile un anno più tardi per il mercato europeo – con un artwork differente – dalla Century Media. Riascoltando oggi il primo disco in questione, ci si rende conto di tutti i limiti compositivi insiti al tempo nella band, dettati dalla giovanissima età media dei suoi componenti: pensate che il bassista Nils Eriksson aveva solo sedici anni ed il chitarrista Fredrik Mannberg diciotto! Sono questi gli unici due superstiti della line-up primigenia che, col tempo e l’esperienza, hanno avuto il tempo di rifarsi e produrre dischi sicuramente migliori; ma, come dicevamo prima, “In A Time Of Blood and Fire” è ancora un’opera acerba, che evidenzia d’altra parte tutta la voglia e l’entusiasmo che avevano a quel tempo i suoi interpreti. I tratti predominanti di quell’album risiedevano nella spontaneità delle canzoni, nella loro dirompente energia e nelle melodie di facile presa; tutti elementi, questi, ancora ben radicati nel Nocturnal Rites sound, ma rielaborati e rivisti sotto un’ottica ben più matura. Il secondo lavoro, invece, usciva in un momento in cui la stella del power metal stava tornando a splendere, grazie soprattutto all’album di debutto dei tanto oggi bistrattati Hammerfall – osannati all’unanimità al tempo, criticati oggi dalla maggior parte di certa stampa – meritevoli comunque, allora, di aver prepotentemente riportato in auge certè sonorità tanto care al metal ottantiano. E della grande scossa data all’intera scena dal combo di Oscar Dronjack beneficiarono anche i nostri, ottenendo buoni riscontri e recensioni lusinghiere un po’ ovunque. Anche qui imperavano melodie di facile presa, talmente pacate e soavi da ricordare gli americani Stryper, ben accompagnate da cavalcate metalliche in puro stile maideniano. I risultati migliori erano udibili sicuramente nella bellissima “Ring Of Steel”, forte di un ritornello indimenticabile, nella seguente “Dark Secret” e nelle avvolgenti “Pentagram” e “End Of The World”. La riedizione di questi due CD è completata da varie bonus-track, da un libretto molto ben confezionato, in cui sono presenti note biografiche scritte personalmente dal bassista Nils Eriksson, e da una sezione video di circa dodici minuti. Un prodotto sicuramente ben presentato, destinato a tutti i fan della band e a tutti coloro i quali non hanno mai avuto l’occasione di ascoltare i suoi primi due lavori. Tutti gli altri guardino pure altrove.

TRACKLIST

  1. Sword Of Steel
  2. Skyline Flame
  3. Black Death
  4. In A Time Of Blood And Fire
  5. Dawnspell
  6. Lay Of Ennui
  7. Winds Of Death
  8. Rest In Peace
  9. Dragonisle
  10. Lay Of Ennui (demo)
  11. In A Time Of Blood And Fire (2004 version)
  12. Winds Of Death (2004 version)
  13. Ring Of Steel
  14. Dark Secret
  15. Test Of Time
  16. Lost In Time
  17. The Vision
  18. Warrior's Return
  19. Change The World
  20. Pentagram
  21. Eye Of The Demon
  22. End Of The World
  23. The Curse
  24. Burn In Hell
  25. Living For Today (demo)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.