OBSCURITY – Vintar

Pubblicato il 04/12/2014 da
voto
7.0
  • Band: OBSCURITY
  • Durata: 00:49:23
  • Disponibile dal: 28/11/2014
  • Etichetta: Trollzorn
  • Distributore:

Arriva il nuovo, settimo album dei tedeschi Obscurity, provenienti dalla Westfalia del Nord, da non confondersi con gli altri due gruppi conterranei ed omonimi che suonavano death metal non più attivi da molti anni. I Nostri sono gli alfieri del viking metal ‘made in Germany’ e sono uno dei maggiori e migliori rappresentanti di questo genere nella loro patria, anche se fino ad ora non hanno mai toccato vette eccelse. Il nuovo “Vintar” aderisce in toto al classico trademark della band: si tratta infatti di un album semplice, compatto e diretto. Si parte subito bene con “Schicksal der Götter” che per stile può ricordare gli Amon Amarth di “Twilight Of The Thunder God”. E’ da anni, infatti, che la band svedese esercita un certo fascino sui Nostri, anche se ad ogni modo gli Obscurity sono una band navigata ed esperta, che riesce a salvaguardare sempre e comunque la propria personalità. Se avete sempre tacciato questa band di essere troppo scontata e poco originale allora “Vintar” non vi farà assolutamente cambiare idea, ma nonostante la semplicità del sound, questo album è davvero un lavoro piacevole da ascoltare. L’equilibrio tra la componente epic/viking e l’intelaiatura death metal è ormai rodata e funziona alla perfezione. La produzione, come al solito, è di tutto rispetto: gli Obscurity fanno sempre le cose al massimo delle proprie potenzialità e l’ascoltatore non può che essere soddisfatto da quanto fatto da loro in tutti questi anni. In una carriera lunga gli alti e bassi sono inevitabili, ma sembra che i Nostri stiano attraversando un momento molto positivo e forse proprio con “Vintar” sono riusciti a toccare il loro massimo livello. Quando il gruppo decide di spingere sull’acceleratore il risultato è buono, vedasi brani come “Nebelwelt”, in cui riescono a trascinare imbastendo un riffing più che discreto; molto valido è anche il suo refrain, nato su un rallentamento di ritmo, uno dei migliori passaggi della release. Il cantato in tedesco è un tratto caratteristico che incide molto sull’economia del sound della band, forse l’introduzione in modo significativo del cantato in inglese renderebbe il tutto più digeribile. Per gli amanti del viking metal il nuovo “Vintar” è un album da ascoltare e da avere nella propria collezione: un lavoro molto valido, spesso trascinante che mostra in quale modo vada suonato il viking metal in maniera semplice ed efficace. Se invece cercate negli Obscurity il gruppo della vostra vita allora state chiedendo un po’ troppo a questi onesti musicisti.

TRACKLIST

  1. Schicksal der Götter
  2. Naglfar
  3. Nebelwelt
  4. Wodanheim
  5. Alter Feind
  6. Vintar
  7. Dominium
  8. Alte Zeichen
  9. Sieg Oder Niedergang
  10. Feld Der Ehre
  11. Legiones Montium
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.