OCEANWAKE – Earthen

Pubblicato il 25/04/2017 da
voto
7.5
  • Band: OCEANWAKE
  • Durata: 46:20
  • Disponibile dal: 10/03/2017
  • Etichetta: Vici Solum Productions
  • Distributore:

“Earthen” è il capitolo conclusivo della trilogia di album degli Oceanwake, iniziata nel 2013 con “Kingdom” e poi proseguita nel 2015 con “Sunless”. La band finnica, c’è da dirlo, ha qui raggiunto il suo apice. “Earthen” suona veritiero, così come è stato suonato, con i suoni veri e con la potenza che una band come questa può offrire, arrivando ad essere ancora più diretta e comunicativa che in passato e allo stesso tempo offrire anche il suo lato compositivamente più alto. Una produzione che è lontana dal sound ‘plasticoso’ che ha contraddistinto molto del panorama post-metal degli ultimi tempi, ma che, per volontà o no, appare più veritiera e sentita. L’album è composto da due brani, di oltre i venti minuti ciascuno, fatti di un post-metal cardine e connotati da derive doom, arpeggi post-rock, tocchi à la Isis, malinconiche influenze quasi My Dying Bride e break alla Amenra. Le terre abbandonate e le derive post-apocalittiche tipiche del genere fanno ben capolino all’interno dei due brani, soprattutto in “In Admist The Silent Thrones”, e nelle sue tonalità chiaroscurali centrali, incombenti, plumbee e rarefatte, nel suo cuore di basso Isis-style, e nelle sue bordate ossessive (intorno al minuto 15) ed ipnotiche scuola Neurosis, ma pur sempre autentiche e che riescono a risultare evocative nella mirabile parte finale. In “A Storm Sermon”, di cui è presente un estratto video di contiguo riferimento per l’immaginario desertico e abbandonato, si sentono altrettanti richiami alle medesime coordinate di riferimento, di genere e di atmosfera, ma sempre con quel fattore X che riesce a far apprezzare il lavoro degli Oceanwake come autentico ed onesto. I cambi à la Cult Of Luna del minuto 6 riportano sui territori del mitico “Somewhere Along The Highway”, riprendendone le caratteristiche più malinconiche e ipnotiche, riuscendo a portare non solo influenze chiare e definite ma anche un background di immaginario che riesce a suonare come ampliamento del prodotto e non come mera copia del già esistente. “Earthen” non dice nulla di nuovo. Ma lo dice decisamente bene. Comunicativo, evocativo e carico di pathos, il terzo capitolo degli Oceanwake vale la pena di essere assimilato da tutti gli amanti di Cult Of Luna, Isis, Amenra e compagnia post-metal decadente ad affine.

TRACKLIST

  1. A Storm Sermon
  2. In Admist The Silent Thrones
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.