ONCE HUMAN – The Life I Remember

Pubblicato il 26/11/2015 da
voto
6.0
  • Band: ONCE HUMAN
  • Durata: 00.40.48
  • Disponibile dal: 04/09/2015
  • Etichetta:
  • earMusic
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Chi scrive ha solo amore per Logan Mader, chitarrista dei Machine Head sul seminale “Burn My Eyes” e su quel macigno di “The More Things Change”, naufragato brevemente nei Soulfly e successivamente nei Medication, con l’ex Ugly Kid Joe Withfield Crane. Dal 2003 Logan si è dato una regolata, ha iniziato la carriera di producer (in primis i milanesi K-Again ma in breve tempo anche 5FDP, Divine Heresy, Cavalera Conspiracy, Soulfly e molti altri) e ha messo solide basi professionali col team di produzione Dirty Icon. Il decennio lontano dai palchi viene interrotto quando Monte Conner, storico A&R e guru Roadrunner Records ora alla corte Nuclear Blast, gli manda la bella musicista australiana Lauren Hart, con la quale nasce un fortissimo sodalizio artistico che sfocia nei Once Human (se ci sia altro tra i due non lo sappiamo davvero!). Le coordinate del debutto “The Life I Remember” si inquadrano molto velocemente, andando ad aderire al melodeath degli ultimi Arch Enemy e dei The Agonist, con in aggiunta una manciata di groove a stelle e strisce di scuola Devildriver (“You Cunt” ne è l’esempio perfetto). Il bel musetto della bionda nasconde una vocalist molto grintosa ed efficace, addirittura più credibile ed interessante nei pezzi più aggressivi (“Demoneyes”, “Terminal”) che nelle prevedibili svolte clean (“The Devil Can Have You”). Il disco è di facile assimilazione, tanto facile che il pubblico europeo andrà a collocarlo idealmente assieme alle formazioni ‘con la cantante figa’, abbinando l’abituale sottintesa sufficienza con cui si tratta la categoria. Il metal ha bisogno di donne, l’ennesimo bel viso in una band generica non cambia la situazione: anche se il debutto degli Once Human non è da buttare, speriamo in un’evoluzione più personale per il futuro del gruppo. Sempre che siate arrivati qua in fondo dopo aver letto ‘figa’…

TRACKLIST

  1. Trail of tears
  2. Ground zero
  3. You cunt
  4. Pick your poison
  5. Terminal
  6. Demoneyes
  7. Devil can have you
  8. Time of the disease
  9. I am war
  10. The life I remember
  11. Siren
  12. Growing colder
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.