ONE MAN ARMY AND THE UNDEAD QUARTET – Grim Tales

Pubblicato il 22/10/2008 da
voto
6.5

Spotify:

Apple Music:

Puntuali come la morte tornano a divertire e a picchiare duro gli One Man Army And The Undead Quartet del buon Johan Lindstrand. Forti di un nuovo contratto con la Massacre, i nostri sfornano quello che probabilmente è il loro album più compiuto e divertente. Nel nuovo ”Grim Tales” infatti, trova posto l’irruenza del precedente “Error In Evolution” unita al groove dell’esordio, con in più una forte componente melodica presente più che altro a livello chitarristico. A questo proposito le iniziali “Misfits With A Machinegun” e “Saint Lucifer” parlano chiaro, con la prima che a livello del chorus cita smaccatamente gli In Flames di qualche album fa. La tracklist è divisa piuttosto bene tra episodi veloci ed ignoranti e mid tempo abbastanza pesanti e di discreta fattura. Ancora una volta, però, al quintetto manca il “colpo di grazia” e le composizioni risultano tutte estremamente godibili, decisamente ben suonate ma, alla lunga, anche dannatamente anonime. Brani quali “Cursed By The Knife”, “Dominator Of The Flesh” o “The Frisco Reaper” sono tutti azzeccati, dotati di un buon appeal melodico (sempre ovviamente inserito su una struttura death thrash) e con un buon lavoro a livello chitarristico, ma non hanno la profondità per poter competere con i giganti del genere. La voce di Lindstrand è come sempre ottima ed è lui il vero punto di riferimento della band, anche se va segnalata anche l’ottima performance di Mikael Lagerblad alla chitarra solista. Detto infine che tutti i titoli delle tracce sono francamente esaltanti nella loro voluta ingenuità occorre fare una riflessione finale che magari verrà smentita dagli avvenimenti futuri: gli One Man Army, giunti al terzo album e con una line up tutto sommato abbastanza stabile, probabilmente non possono ambire a fare meglio di così, quindi il loro nome probabilmente verrà ricordato per le infuocate performance live e per regalare momenti di sano divertimento. Niente di più, niente di meno. Che comunque con i tempi che corrono non è una cosa da poco.

TRACKLIST

  1. Black Clouds
  2. Misfits With A Machinegun
  3. Saint Lucifer
  4. Cursed By The Knife
  5. A Date With Suicide
  6. Death Makes It All Go Away
  7. Dominator Of The Flesh
  8. Bonebreaker Propaganda
  9. Make Them Die Slowly
  10. The Frisco Reaper
  11. Bastards Of Monstrosity
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.