ONRYO – Mūto

Pubblicato il 15/07/2017 da
voto
7.0
  • Band: ONRYO
  • Durata: 00:13:11
  • Disponibile dal: 20/06/2017
  • Etichetta: Everlasting Spew Records
  • Distributore:

EP breve ma denso di contenuti questo “Mūto”, prima pubblicazione ufficiale dei death-grinder Onryō. Formazione che vanta nelle sue fila, quale membro di spicco, Giulio Galati, batterista di Hideous Divinity e Nero Di Marte, qui impegnato in un drumming intricato e torrenziale, che asseconda le pulsioni psicotiche di un metal estremo proiettato in un futuro cibernetico, senza dimenticare la carnalità del passato. Non si può che partire dal riffing per provare a comprendere il messaggio di “Mūto”, anche se la destrutturazione del lavoro di chitarra, per capire esattamente come si sia arrivati a un tale maelstrom ipertecnologico, non è semplice: brutal, noise, post-core, guizzi free-jazz, sono impastati e gettati all’impazzata nelle singole tracce, che instillano un generale sentimento di ubriacante meraviglia, protese in mille direzioni, senza imboccarne una per più di qualche secondo. I movimenti sono sghembi e affannati, in ondulazione scostante, da qualche parte fra i primi The Dillinger Escape Plan e i Cephalic Carnage più cervellotici, con certe propaggini rumoriste e jazzate che s’inoltrano nel sottobosco underground italiano, accostandosi alle spastiche invettive di Psychofagist ed Ephel Duath. Rimane però, rispetto a molte delle band d’ambizione avanguardista, una forte concretezza old school, che esce prepotente in passaggi brutal-core di soffocante pesantezza (a tratti sembra di risentire i Vomit The Soul di “Apostles Of Inexpression”), nei pig squeal di Daniele Casari, nei brevi blastbeat che rimettono su carreggiate ‘terrene’ al termine di vertiginosi voli pindarici orchestrati dalle chitarre. Le ospitate di Fabio Recchia ai synth per “The Pyromaniac – Anarchogrind” e quella di Riccardo Nebbiosi al sassofono durante “Sickness And Aluminium Foil Helmet” non rappresentano delle piccole fughe estemporanee dal discorso principale, quanto arricchimenti che donano un’atmosfera ancora più malsana, cerebrale, ambigua alle composizioni. Sotterfugi utili a farci intuire cosa potrebbero inventarsi gli Onryō in futuro, quando probabilmente insisteranno sul carattere ‘anarchico’ della loro proposta, esasperando le sperimentazioni, e violenteranno gli strumenti con tale calcolata pazzia da creare mostruosità ancora più assurde di quelle contenute in “Mūto”. Un primo passo molto rilevante.

TRACKLIST

  1. Oni
  2. The Pyromaniac - Anarchogrind
  3. Humanphobia
  4. Sickness And Aluminium Foil Helmets
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.