OPERA IX – Maleventum

Pubblicato il 23/05/2002 da
voto
7.5
  • Band: OPERA IX
  • Durata:
  • Disponibile dal: //2002
  • Etichetta:
  • Distributore: Self

Un ritorno davvero in grande spolvero questo dei piemontesi Opera IX; dopo degli assai chiacchierati cambi di line up, la band di Ossian è riuscita infatti a tornare in pista con il lavoro più completo e maturo di tutta la loro carriera. Prossimi ormai ad un dark metal keyboard-oriented, in cui la ricercatezza nelle melodie e negli arrangiamenti risulta fondamentale come non mai, gli Opera IX riescono a mettere da parte il loro passato senza per questo negarlo, superando per qualità e convinzione lavori superbi come il primordiale “The Call Of The Wood” ed il precedente “The Black Opera”, celebratissima summa e dignitosa conclusione dell’incarnazione storica con Cadaveria alla voce. Va immediatamente detto che, nonostante i dubbi dei tanti, la scelta di assumere una voce maschile a ricoprire il ruolo che fu della cursed lady per eccellenza, si è rivelata assolutamente appropriata nella fattispecie di Madras, conoscenza di vecchia data della band, che collaborò proprio con Ossian ad un side-project di musica medievale nella metà degli anni novanta. “Maleventum”, come già premesso, si muove su coordinate che devono molto al classico sound del heavy ottantiano più oscuro, specie a livello chitarristico, e volutamente debitore a nomi come Mercyful Fate/King Diamond, ma che al tempo stesso si impreziosce di un taglio ben più moderno ed erede di tutta quella tradizione‘oscura’ che gli Opera IX negli anni hanno saputo metabolizzare e tradurre nel loro marchio di fabbrica; l’evocativo coro gregoriano della title-track, o le lugubri cornamuse di “Forgotten Gods”, per non parlare poi dello spirito ‘malevolo’ che permea brani come “Unearthed Arcana” e “Muscaria”, sono manifestazione di una vena artistica pienamente rinata ed in incontrovertibile ascesa, sotto il segno dell’occulto. Non esistono paragoni o riferimenti con altre band che reggano: gli Opera IX sono accomunabili al massimo a tutte quelle formazioni di musica heavy, oscura e ritualistica, che hanno attraversato gli ultimi trentanni, senza riuscire ad entrare in una categoria musicale ben precisa. E proprio per questo, i nostri meritano tutto il nostro rispetto.

TRACKLIST

  1. Maleventum
  2. Princess Of The Ancient
  3. In The Dark I Found The Reflection Of The Hidden Mirrors
  4. Unearthed Arcana
  5. Muscaria
  6. Forgotten Gods
  7. In The Raven’s Eyes
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.