OPETH – Ghost Reveries

Pubblicato il 30/08/2005 da
voto
8.0
  • Band: OPETH
  • Durata: 01:06:51
  • Disponibile dal: 30/08/2005
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Universal

Veniamo subito al dunque: gli Opeth sono tornati e lo hanno fatto alla grande, ovvero riavvicinandosi al loro classico stile, scrivendo una manciata di composizioni ottime e disintegrando quindi il banalissimo e monocorde “Deliverance”, quanto di peggio da loro prodotto in più di dieci anni di onorata carriera! “Ghost Reveries” è, al contrario, un album veramente curato e godibile, nel quale è possibile trovare tutti i trademark del tipico Opeth sound – dai continui cambi di tempo e di registro sino ad arrivare all’attitudine estremamente progressiva e ricercata – più un paio di piccole novità, che si configurano in un utilizzo lievemente più massiccio delle tastiere (non a caso oggi fa parte della band anche il tastierista Per Wiberg) e in una maggior orecchiabilità delle linee vocali ‘pulite’, entrambi elementi mutuati, con tutta probabilità, dalla recente parentesi acustica “Damnation”. Il tutto non sarà magari qualcosa di assolutamente sconvolgente ed innovativo – in fin dei conti lo scheletro della proposta dei nostri è rimasto tale e quale a quello che tutti già conoscevano – però è indubbio che il risultato finale sia – come dicevamo – assai piacevole ed ispirato: Mikael Akerfeldt si è infatti per fortuna ricordato di essere stato sino o poco tempo fa un grande songwriter e ha sfoderato di nuovo tutta la sua creatività e la sua esperienza, donandoci brani tecnici ed articolati come una volta, forti di sezioni acustiche/sognanti di una bellezza straordinaria e di malvagi assalti death metal calibrati alla perfezione. Inutile poi dire che la produzione sia qualcosa di superlativo e che l’artwork – pur essendo un tantino più canonico del solito – sia perfettamente calzante con quanto offertoci con gli strumenti: gli Opeth non hanno QUASI mai lasciato nulla al caso e anche questa volta si sono confermati una formazione altamente professionale sotto ogni punto di vista. Citare i brani più significativi è, almeno per chi scrive, cosa assai difficile, visto che il disco è valido nella sua interezza, però se il sottoscritto dovesse proprio elencare i momenti più esaltanti allora direbbe di sicuro la magnifica “The Baying Of The Hounds” – una canzone complessissima e squisitamente evocativa che non avrebbe per nulla sfigurato in uno qualsiasi dei capolavori di inizio carriera – e “The Grand Conjuration”, brano che a passaggi particolarmente ariosi alterna i break più tetri e minacciosi dell’intero lavoro. Perciò pare essere finita la (per fortuna, brevissima) era dei riff alla Morbid Angel ripetuti senza soste per tre minuti di fila o degli stacchi acustici inseriti tanto per fare… gli Opeth hanno riacquistato lo smalto e l’ispirazione di un tempo e questa volta ci hanno donato musica violenta, melodica e progressiva nella loro miglior tradizione; materiale nuovamente degno di essere accostato ad un moniker tanto importante e prestigioso. Bentornati!

TRACKLIST

  1. Ghost Of Perdition
  2. The Baying Of The Hounds
  3. Beneath The Mire
  4. Atonement
  5. Reverie / Harlequin Forest
  6. Hours Of Wealth
  7. The Grand Conjuration
  8. Isolation Years
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.