ORDEN OGAN – Easton Hope

Pubblicato il 23/01/2010 da
voto
7.0
  • Band: ORDEN OGAN
  • Durata: 01:04:54
  • Disponibile dal: 22/01/2010
  • Etichetta: AFM Records
  • Distributore: Audioglobe

Streaming:

Dopo aver ricevuto dei buoni responsi con i due precedenti dischi “Testimonium A.D”. e “Vale”, questa interessante band tedesca sbarca su AFM Records. Fautrici di un power metal sinfonico moderno piuttosto ricco di melodie e articolato a livello di arrangiamenti, gli Orden Ogan sono riusciti  mettere insieme undici brani abbastanza vari ed ispirati soprattutto come ritmiche, che all’interno di un singolo pezzo spaziano da pesanti mid tempo ad accelerazioni improvvise, fino a rallentamenti verso aperture melodiche dalle sonorità più rilassate. Nel sound degli Orden Ogan trovano parecchio spazio anche orchestrazioni, affidate alle tastiere, e cori spesso molto in risalto. Un altro elemento distintivo della band è l’approccio vocale di Sebastian Levermann con il suo stile leggermente sporcato, tale da sembrare quasi impreciso sulle note più alte e per questo non da tutti apprezzabile, almeno ad un primo ascolto. I brani scorrono piacevolmente nonostante il minutaggio medio attorno ai sei minuti e lasciano trasparire varie influenze che vanno dal power di Blind Guardian, Gamma Ray, Sonata Arctica o Kamelot, al classic dei Maiden, sino a qualche puntata in territori vicini al thrash soprattutto a livello di chitarre. La buona traccia d’apertura “Nobody Leaves” contiene un po’ tutti gli elementi sopra indicati, con in particolare una serie di cambi di tempo tra i quali si incastra un ritornello molto arioso e immediato. La prima parte del lavoro, con l’altrettanto convincente “Goodbye” e la lunga titletrack, segue più o meno queste coordinate, mettendo anche in evidenza l’ottima preparazione tecnica dei musicisti. Nella seconda frazione dell’album i ritmi complessivamente rallentano un tantino e si notano pezzi di buona fattura come il mid tempo “Through These Dark Years”, uno dei migliori episodi del disco, e il bel lento “Requiem”. Echi di Blind Guardian in “Nothing Remains” non solo come drumming, vista la presenza dell’ex Thomen Stauch alla batteria, ma anche come cori, mentre la discreta anche se piuttosto sempliciotta “We Are Pirates” è non a caso un più che evidente tributo al sound dei Running Wild e per l’occasione la band ha invitato Majk Moti, ex-chitarrista degli ormai scioltisi pirati tedeschi. Un po’ noioso invece finale con “Of Downfall And Decline”, il brano più lungo e corale del lavoro, non malvagio in sé ma inserito in coda  ad un disco già di notevole durata. “Easton Hope” è quindi un album non fenomenale ma ben fatto, da gustare con calma e specchio di una band ormai matura e in grado di scrivere musica di qualità.

TRACKLIST

  1. Rise And Ruin
  2. Nobody Leaves
  3. Goodbye
  4. Easton Hope
  5. Welcome Liberty
  6. All These Dark Years
  7. Nothing Remains
  8. Requiem
  9. We Are The Pirates
  10. The Black Heart
  11. Of Downfall And Decline
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.