ORNAMENTS – Pneumologic

Pubblicato il 27/02/2013 da
voto
7.0
  • Band: ORNAMENTS
  • Durata: 00:46:20
  • Disponibile dal: 05/02/2013
  • Etichetta: Tannen Records
  • Distributore:

Dopo un EP omonimo che faceva sperare più che bene, gli italianissimi post-rocker Ornaments, giungono finalmente al debutto sulla lunga distanza grazie a questo etereo ed enigmatico full-length intitolato “Pneumologic”. I Nostri sono fautori di un muscoloso post-rock strumentale, ma scordatevi Russian Circles, Pelican e ammiccamenti simili, questo impavido quartetto infatti scava più in profondità del tanto blasonato post-rock strumentale mezzo-mainstream made in USA, molto più in profondità. Se a tratti gli emiliani raggiungono vette notevoli di livellante potenza doom, in maniera non dissimile dagli altrettanto italianissimi Ufomammut, i Nostri si cimentano molto più spesso in un obliquo, oscuro ed etereo post-rock venato di shoegaze, post-punk e math rock che fa balzare alla mente un mosaico musicale non sempre nitido e coeso ma tutt’altro che privo di colore e sfumature cromatiche. Se i Nostri, dunque, nell’opener “Pulse” tirano in ballo i Red Sparowes con una marcia funebre struggente di post-rock depresso e crepuscolare, con la successiva “Breathe” si cimentano in un miscuglio sonoro tanto strampalato quanto splendido accostando le nefaste e apocalittiche trame heavy di “A Sun That Never Sets” a Jeff Buckley (uno dei pochi episodi nel quale si intravedono infatti delle voci), per poi aggiungervi – tanto per rendere il tutto ancora più ambiguo – un tocco di Deftones dell’ultimo periodo e di Sigur Rós. Seguono a ruota i quasi dieci minuti di “Aer” e la direzione di marcia cambia nuovamente, grazie a delle atmosfere più dilatate ed estese e delle progressioni shoegaze intrise di hardcore che si prendono tutto il tempo del mondo per compiersi ma che nel finale deflagrano in un turbine di sludge metal, doom e hardcore veramente difficile da inquadrare, ma dalla potenza inarrestabile. E si prosegue così senza sosta in una progressione fluidissima di ambiguità post-rock, minimal e metal che non sembra mai trovare argini di contenimento che siano in grado di rendere nitida e concretizzare la formula dei Nostri – formula che proprio per questo rimane costantemente avvolta in una nube di fascino e ambiguità davvero appetibile. Vengono chiamati in causa continuamente (ma senza citarli mai direttamente, come si diceva) e in maniera apparentemente del tutto sconnessa e illogica sia i Neurosis, i Mogwai, i Tortoise, gli Slint, i Tool, gli Isis, gli Explosions In The Sky, tutti ampiamente accennati, ma nessuno mai espressamente materializzato. Il suono degli Ornaments è bello per questo, evocando potentemente infiniti scenari di caldissima familiarità, senza pero copiare o imitare esplicitamente nessuno. Come dire, il loro mondo di riferimento è ovvio, ma al suo interno i Nostri hanno poi trovato uno spazio tutto loro. Non una cosa da poco nel molto omogeneo e inflazionato mondo del post-rock strumentale odierno. Massimo rispetto.

TRACKLIST

  1. Pulse
  2. Breath
  3. Aer
  4. Galeno
  5. Pneuma
  6. Spirit
  7. L'ora del corpo spaccato
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.