OVERTORTURE – At The End The Dead Await

Pubblicato il 13/02/2013 da
voto
6.0
  • Band: OVERTORTURE
  • Durata: 00:41:36
  • Disponibile dal: 25/01/2013
  • Etichetta: Apostasy Records
  • Distributore:

Nati nel 2011 per volere di Joe Fornbrant, Fredrik Widigs (rispettivamente vocalist dei Coldworker e batterista dei Demonical) ed altri esponenti della scena death metal svedese, gli Overtorture esordiscono sulla lunga distanza con questo “At The End The Dead Await”, quaranta minuti o poco più di sonorità ignoranti e rocciose licenziate dalla tedesca Apostasy Records (label in grande spolvero come dimostrato dalle ultime prove di Deadborn, Obscenity e Sonic Reign). Per avere un’idea sommaria della musica confezionata dai Nostri – nel caso artwork, monicker e nomi coinvolti non dicano già abbastanza al riguardo – pensate alle strutture lineari e controllate di un disco come “Death Metal”, ripulitele dagli influssi heavy classic delle chitarre e scaraventatele in pasto agli Entombed degli esordi: il piatto sarà bello che servito sulla vostra tavola, putrefatto quanto gli zombie troneggianti in copertina. Una formula che gli Overtorture decidono di affrontare a testa bassa, con il pilota automatico inserito e forse proprio per questo senza quella verve necessaria a fare decollare la tracklist, ridotta a mero “compitino” senza infamia e senza lode. I brani riusciti non mancano, si prendano ad esempio “Black Shrouds Of Dementia” o la doppietta “The Outer Limits”/”Targets”, eppure ad emergere a fine ascolto è prima di tutto un senso di incompiutezza, come se il discorso intrapreso dalla band non fosse stato portato a termine nel migliore dei modi. Considerato il bagaglio di esperienze di questa “all star band” sarebbe stato lecito aspettarsi qualcosa di più significativo.

TRACKLIST

  1. Black Shrouds Of Dementia
  2. Murder For The Masses
  3. Slaves To The Atom
  4. The Outer Limits
  5. Targets
  6. The Strain
  7. The Coming Doom
  8. Towards The Within
  9. Suffer As One
  10. At The End The Dead Await
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.