OZZY OSBOURNE – Black Rain

Pubblicato il 03/07/2007 da
voto
6.0
  • Band: OZZY OSBOURNE
  • Durata: 00:52:12
  • Disponibile dal: 03/07/2007
  • Etichetta: Sonic Records
  • Distributore:

Ozzy Osbourne, un nome che negli ultimi quarant’anni è divenuto leggenda. Non è un cantante tecnico, le stecche per lui sono all’ordine del giorno, ma i milioni di fan che lo amano non lo fanno per le sue doti canore. Ozzy Osbourne è il personaggio, la lucida follia, l’esagerazione, colui che ha portato all’estremo l’immagine della rockstar scapestrata più di Led Zeppelin e Motley Crue, colui che ha passato una vita intera sul filo del rasoio a causa delle droghe che lo hanno accompagnato per tutta la sua carriera. Ozzy Osbourne è però il padre dell’heavy metal, che con i suoi Black Sabbath ha creato in primis sin da fine anni sessanta. La carriera solista del madman, con oltre cinquanta milioni di dischi venduti, non ha mai segnato crisi eccessive in oltre venticinque anni, solamente nell’ultimo periodo il moscio “Down To Earth” e la mortificante serie Tv “The Osbournes” hanno fatto perdere credibilità ad un’icona del rock apparentemente venduta allo show business ed alle concezioni di marketing della moglie Sharon. Sono trascorsi sei anni dall’ultima fatica discografica, finalmente la cover ritorna a quelle tinte oscure che da sempre accompagnano il prince of darkness, mentre il sound percorre un passo avanti rispetto al citato predecessore. Il sodalizio tra Osbourne ed il chitarrista Zakk Wylde è solidissimo, la mano del biondo e nerboruto axeman è parte integrante a livello del song-writing, tanto che molte canzoni paiono provenire da un disco inedito dei Black Label Society. Questo probabilmente è uno dei motivi per cui “Black Rain” non riesce a convincere del tutto, così come la qualità dei brani non si mantiene costante per tutto il disco. Le cupe e violente “Not Going Away” e “I Don’t Wanna Stop” (non a caso i due singoli), sono i momenti più devastanti dell’intero lavoro, costruiti a suon di riff potentissimi che non lasciano scampo ai deboli d’orecchie, le linee vocali si rivelano vincenti e di facile assimilazione. L’altro brano degno di menzione è la ballad “Here For You”, melodica e figlia degli anni d’oro di Ozzy (impossibile non notare la somiglianza con “Goodbye To Romance”), la cui voce nasale e unica si amalgama alla perfezione con il toccante pianoforte che accompagna tutte le strofe. I restanti brani, almeno per chi scrive, non sono riusciti a bissare il successo di un must come “Ozzmosis”, tanto per citare l’ultimo grande disco di Mr. Osbourne. A difesa di “Black Rain” chiamiamo in causa una produzione letteralmente perfetta, dai suoni così potenti e puliti da far invidia a tanti sbarbatelli da classifica che si credono i nuovi dei del metallo.I l capolavoro è ancora lontano, ma rispetto a “Down to Earth” di passi ne sono stati fatti. Forse il prossimo disco dovrebbe essere meno Black Label Society e semplicemente più Ozzy Osbourne, ai posteri l’ardua sentenza.

TRACKLIST

  1. Not Going Away
  2. I Don’t Wanna Stop
  3. Black Rain
  4. Lay Your World On Me
  5. God Bless The Almighty Dollar
  6. 11 Silver
  7. Civilize The Universe
  8. Here For You
  9. Countdown's Begun
  10. Trap Door
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.