PAIN OF SALVATION – BE

Pubblicato il 20/10/2004 da
voto
7.0
  • Band: PAIN OF SALVATION
  • Durata: 01:15:58
  • Disponibile dal: /10/2004
  • Etichetta: Inside Out
  • Distributore: Audioglobe

Se non altro ai Pain Of Salvation non potrà mai essere imputata la scorciatoia del disco clone: volendo essere severi verso questo prodotto la prima impressione potrebbe essere condensata in tali termini. Ma ad un ascolto più attento “Be” svela una ragion d’essere ben più profonda, ed allora il giudizio inevitabilmente cambia, condizionato (e non poco) dall’imponente apparato lirico/concettuale che sottende all’impianto musicale vero e proprio. Una vera e propria lezione di antropologia, che è poi il pretesto per toccare tematiche universali come l’eterno contrasto fra uomo e divinità, pur in un’ottica di stabile ancoraggio alle vicende terrene. Non sarebbe corretto tacciare il tutto (nella fattispecie il mastermind Daniel Gildenlow) di megalomania, non renderebbe giustizia ad un progetto curato nei minimi dettagli e che, per la prima volta nella storia della band, opera una fusione così radicale con l’universo sinfonico e teatrale. Monco del fattore scenico/visivo (“Be” è stato già presentato integralmente la scorsa estate in quel di Stoccolma, con relativo apparato recitativo, oggetto di un DVD di imminente pubblicazione) l’album vive di umori musicali contrastanti, e nella migliore tradizione progressive offre delle cellule melodiche a scomparsa, che come un gioco di specchi riaffiorano in corso d’opera. Fortunatamente la componente metal viene ridimensionata ad elemento di raccordo (“Deus Nova”) o per enfatizzare la drammaticità narrativa (“Diffidentia”), mentre occorre arrivare alla decima traccia (“Nihil Morari”) per rintracciare un trademark vicino alla vecchia produzione, con il fenomenale armamentario a base di vocals incrociate e ritmiche spezzate. Nel corso della scansione affiorano commistioni folk (“Imago”) e partiture che pur fondendo musica sacra, tradizione operistica e ballate soffuse, non può non richiamare (per scelta dei suoni, soli, ed atmosfera plumbea) i Floyd malinconici di “Animals”. Ma è una similitudine lontanissima, in quanto l’album evidenzia una personalità ben definita, libera dai consueti stilemi del metal progressive. Non siamo dinanzi ad un capolavoro (quando il Banco Del Mutuo Soccorso affrontò in “Darwin”, nei primi ’70, il tema dell’evoluzione umana, ne venne fuori un prodotto di ben altro spessore) ma è pur vero che siamo dinanzi ad un disco di qualità superiore.

TRACKLIST

  1. Animae Partus (" I Am ")
  2. Deus Nova ( Fabricatio )
  3. Imago ( Homines Partus )
  4. Pluvius Aestivus ( Homines Fabula Initium )
  5. Lilium Cruentus ( Deus Nova )
  6. Nauticus ( Drifting )
  7. Dea Pecuniae
  8. Vocari Dei
  9. Diffidentia ( Breaching The Core )
  10. Nihil Morari ( Homines Fabula Finis )
  11. Latericius Valete
  12. Omni
  13. Iter Impius ( Obitus Diutinus )
  14. Martius / Nauticus I I
  15. Animae Partus I I
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.