PATHOLOGY – Awaken To The Suffering

Pubblicato il 22/09/2011 da
voto
5.5
  • Band: PATHOLOGY
  • Durata: 00:31:13
  • Disponibile dal: 13/09/2011
  • Etichetta: Victory Records
  • Distributore:

I californiani Pathology, noti anche per annoverare (ed aver annoverato) tra i loro membri gente da Cattle Decapitation e Disgorge, tornano con un nuovo album, il quinto in cinque anni; qualcuno, però, avrebbe dovuto dirgli che la cosa andava fatta diversamente. “Awaken To The Suffering” risulta palesemente diviso in due tronconi qualitativamente differenti, cosa probabilmente voluta visto che alla fine di ogni parte c’è un pezzo strumentale: la prima è piuttosto piatta e monotona nell’alternare momenti sostenuti ad altri più lenti, con ben pochi momenti notevoli oltre “Media Consumption”, discreta canzone con una buona accelerazione centrale, condita da un bel solo; la seconda è decisamente migliore, sotto ogni profilo. E’ chiaro che si ripropongono le stesse caratteristiche precedenti, sia tecniche che compositive, ma l’atmosfera è assai più galvanica, come annuncia “A Perverse Existence” con le sue strutture rivitalizzate: riff prevalentemente pachidermici, schiacciacadaveri, ogni tanto squarciati da qualche istante di melodia anestetizzata da velleità cannibali, sezione ritmica drittissima e tanta, tanta “ignoranza”. Fa bella mostra di sé la trimurti composta da “Humanity’s Cesspool” (il pezzo migliore), “Festering In Filth” (primo vero sussulto in termini di velocità) e “Opposing Globalization” (anch’essa prevalentemente veloce, con una curiosa estetica southern nei riff di apertura e chiusura). Quando ci troviamo di fronte a un lavoro del genere, per poi valutarlo con un sol numero, siamo in difficoltà: si dovrebbe dare un voto ad ogni singola parte od optare per la media matematica? Noi scegliamo la seconda via perché più sintetica, benché nasconda qualche informazione: il nostro voto è dunque il risultato tra una parte insufficiente ed una (circa) discreta. Ci permettiamo, infine, un’osservazione: dal momento che il disco precedente era uscito l’anno scorso, non era meglio prendersi più tempo per il songwriting? O, in alternativa, fare un EP con gli ultimi sei pezzi? Anche questo è uno dei motivi che non li fa arrivare alla sufficienza.

TRACKLIST

  1. Dissected by Righteousness
  2. Ingestion of Creation
  3. Hostility Towards Conformity
  4. Media Consumption
  5. Society's Desolation
  6. Prolonging the Suffering
  7. A Perverse Existence
  8. Humanity's Cesspool
  9. Festering in Filth
  10. Opposing Globalization
  11. Emesis
  12. Revocation of Earth
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.