PHIL CAMPBELL AND THE BASTARD SONS – Phil Campbell And The Bastard Sons

Pubblicato il 29/11/2016 da
voto
7.0

Quasi un anno fa scompariva Lemmy Kilmister, mente ed anima dei Motörhead che di conseguenza hanno cessato la loro attività. Il batterista Mikkey Dee nel frattempo ha trovato casa alla corte degli Scorpions, più incerta invece era la situazione di Phil Campbell. Il chitarrista invece ha dato vita ad un nuovo progetto, Phil Campbell And The Bastard Sons, tutto in famiglia insieme ai suoi tre figli Todd, Dane e Tyla, con l’aggiunta del cantante Neil Starr. Il frutto di questo sodalizio è un breve EP di cinque brani in cui Phil si ritrova a suonare ciò che più gli riesce meglio, del fottutissimo, sporco e tonante rock’n’roll. “Big Mouth” apre il disco nel migliore dei modi, con tempi spediti ed una buona dose di sporcizia che dona forza alle melodie disegnate dalle linee vocali. Non si tratta di un’operazione nostalgica, il buon Phil infatti ha dato un tocco moderno al suo stile prendendo ciò che di meglio ha fatto con i Motörhead, ma con vesti più nuove e lucenti. “Spiders” è un midtempo cadenzato in cui il muro ritmico delle chitarre offre una botta di notevole intensità. Con “Take Aim” i Bastard Sons tornano a pestare sull’acceleratore, siamo di fronte al pezzo più dinamitardo dell’intero lavoro, potente, ma un po’ sornione ed orecchiabile grazie ai cori del ritornello. “No Turning Back” è quanto di più vicino ai Motörhead si possa ascoltare sul disco, le strofe tirate, i riff e la batteria martellante di Dane Campbell offrono un interessante tributo a Lemmy ed alla sua musica. L’EP si conclude con “Life In Space”, un pezzo acustico in cui Phil e Neil Starr danno prova del loro amore per la musica più melodica ed emozionante. Per Campbell si tratta di un nuovo punto di partenza insieme alla sua famiglia, l’EP contiene buone idee e ci auguriamo vivamente che questa band possa durare a lungo: in fondo stiamo parlando di un chitarrista che per oltre trent’anni ha contribuito pesantemente alla causa del rock’n’roll, influenzando tanti giovani musicisti… sarebbe davvero un peccato vederlo in pensione. Bentornato Phil!

TRACKLIST

  1. Big Mouth
  2. Spiders
  3. Take Aim
  4. No turning Back
  5. Life In Space
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.