POISONBLACK – Lust Stained Despair

Pubblicato il 07/09/2006 da
voto
7.0
  • Band: POISONBLACK
  • Durata: 00:48:17
  • Disponibile dal: 01/09/2006
  • Etichetta: Century Media Records
  • Distributore: EMI

Il luttuoso congedo dei Sentenced non poteve scrivere la parola fine al processo artistico del mainman Ville Laihiala, e di sicuro molti fan saranno gioiosi di riabbracciare il cupo personaggio con delle nuove canzoni, diciamolo subito, non troppo lontane dagli ultimi passi della storia dei Sentenced. Il pretesto è presto trovato nella dissepoltura dei Poisonblack, autori di un esordio interessante, quel “Escapexstacy” che vedeva Ville solo come chitarrista. Juha-Pekka Leppäluoto ha lasciato il microfono e la band, e, com’era ovvio immaginare, è proprio l’ex Sentenced a prendere in mano le redini del progetto. Il metal è trascurato a favore di un gothicheggiante e oscuro hard rock, magistralmente groovy e ribassato, intrigante e carico di atmosfera quanto di facile e lussureggiante appeal. Il suono ammiccante e ben riempito – da una produzione senza sbavature e da parti tastieristiche non invasive – non è altro che l’altare per la ruvida voce di Laihiala, indiscussa protagonista per ogni singolo minuto di questo “Lust Stained Despair”. Il songwriting alleggerito nella struttura può pagare in longevità, ma fa aumentare l’attrazione morbosa per le undici tracce, che da subito possono condurre nella torbida e lasciva terra del Nord, tanto fredda quanto affascinante. “Raivotar” è un gioiello su un cuscino di velluto viola, “Love Controlled Despair”, “Rush” e “The Darkest Lie” seguono a ruota. Facile e giustificato il paragone con gli H.I.M., anche se c’è da sottolineare come i Poisonblack possano contare su una credibilità inossidabile e un fermo rispetto frutto della lunga carriera di Laihiala. Undici gocce di veleno che molti saranno felici di assumere dalle labbra di una affascinante fanciulla in nero.

TRACKLIST

  1. Nothing Else Remains
  2. Hollow Be My Name
  3. The Darkest Lie
  4. Rush
  5. Nail
  6. Raivotar
  7. Soul in Flames
  8. Pain Becomes Me
  9. Never Enough
  10. Love Controlled Despair
  11. The Living Dead
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.