PORCUPINE TREE – The Incident

Pubblicato il 06/10/2009 da
voto
7.5
  • Band: PORCUPINE TREE
  • Durata: 01:15:48
  • Disponibile dal: 25/09/2009
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Distributore: Warner Bros

La maggior parte della gente comune, se imbottigliata nel traffico causato da un incidente stradale impreca, si rassegna ad ascoltare l’autoradio, telefona o al massimo ne approfitta per fumarsi una sigaretta. Ma Steven Wilson, ormai lo sappiamo, è un personaggio particolare e da una simile esperienza ha tratto le basi per il nuovo disco dei suoi Porcupine Tree. Ovviamente stiamo parlando della genesi lirica e concettuale del nuovo album, composto per l’appunto da due dischi separati, il primo costituito da una sorta di unica grande canzone divisa in quattordici tracce ed il secondo caratterizzato da quattro brani slegati dal contesto precedente e per questo inseriti in un disco a parte. “The Incident” va considerato in maniera completamente diversa rispetto alle precedenti pubblicazioni della band anglosassone, le canzoni sono strettamente connesse fra loro e richiedono un ascolto attento e continuo per liberare la moltitudine di sensazioni e particolari racchiusi in esse, ma soprattutto richiedono una mente sgombra da inconsistenti paragoni con le release passate. Possiamo semmai parlare di una produzione chiusa e oscura in linea con quella del precedente “Fear Of A Blank Planet” e di un sound globale che, oltre alle nuove incursioni heavy presenti già nel disco precedente, eleva  a protagonisti chitarre acustiche e sonorità rock allineandosi in questo senso al capitolo solista di Wilson “Insurgentes”. “The Incident” ci regala una serie di canzoni dall’animo indipendente tra cui spicca l’omonima titletrack, stupefacente nel contrasto tra le soffocanti sonorità noise della prima parte e l’ariosa apertura melodica nel finale, o la nostalgica “Time Flies”, caratterizzata per la verità da continui cambi d’atmosfera. Sono inoltre presenti svariati intermezzi dal minutaggio ridotto che presi singolarmente non dicono granché, ma inseriti nel concept acquistano rilevanza fungendo da collante con le altre canzoni. Le note intimiste di “Kneel And Disconnect” o “The Séance”, che riprende le bellissime melodie della precedente “Octane Twisted”, sono l’esempio di piccole perle valorizzabili solo se inserite nel complesso ingranaggio del disco. Il decimo sigillo in studio dei Porcupine Tree richiede devozione per essere apprezzato, al suo interno troverete tutte le caratteristiche che hanno reso grande la band londinese negli ultimi anni: dalle melodie ariose, agli stacchi soffocanti, dalle parti minimali alle ripartenze heavy, passando in rassegna un’infinita gamma di emozioni e contrasti. Qualche momento poco ispirato che rende meno fluido l’ascolto si riscontra nell’introduzione “Occam’s Razor” e nella speculare “Degree Zero Of Liberty”, ma nel complesso possiamo parlare di un lavoro ispirato, contrassegnato da una cura maniacale dei particolari come da tradizione Porcupine. L’aggiunta dei quattro pezzi presenti nel bonus CD, tra cui segnaliamo “Remember Me Lover” e “Black Dahlia” (quest’ultima composta dal tastierista Richard Barbieri), non influisce sulle sorti di un disco che brilla soprattutto nei 55 minuti della titletrack.

TRACKLIST

  1. Occam’s Razor
  2. The Blind House
  3. Great Expectations
  4. Kneel And Disconnect
  5. Drawing The Line
  6. The Incident
  7. Your Unpleasant Family
  8. The Yellow Windows Of The Evening Train
  9. Time Flies
  10. Degree Zero Of Liberty
  11. Octane Twisted
  12. The Séance
  13. Circle Of Manias
  14. Drive The Hearse
  15. Flicker
  16. Bonnie The Cat
  17. Black Dahlia
  18. Remember Me Lover
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.