PORTRAIT – Crossroads

Pubblicato il 15/06/2014 da
voto
7.0
  • Band: PORTRAIT
  • Durata: 00:45:12
  • Disponibile dal: 29/04/2014
  • Etichetta: Metal Blade Records
  • Distributore: Audioglobe

Tre anni fa “Crimen Laese Majestatis” ha catalizzato i riflettori sugli svedesi Portrait, formazione svedese dedita al metal nella sua forma più classica che grazie a questo disco ha ottenuto un contratto con la prestigiosa Metal Blade Records. Forte dell’importante vittoria incassata, il nuovo “Crossroads” prosegue sulle coordinate stilistiche del suo predecessore e porta avanti un sound figlio della New Wave Of British Heavy Metal. L’influenza principale della band va tuttavia cercata nei Mercyful Fate, tanto che brani come l’opener “At The Ghost Gate” sembrano scritti direttamente dalla mano del Re Diamante. Non mancano richiami ad altre capisaldi del genere, su “We Were Not Alone” i chitarristi Christian Lindell e David Olofsson non nascondono il loro amore per i Judas Priest. Con “In Time” i Portrait pestano sull’acceleratore dando vita ad una granitica bordata speed metal degna dei più ispirati Metal Church.  Ciò che piace di “Crossroads” è la perfetta commistione tra heavy metal ed atmosfere glaciali, sinistre, che vengono enfatizzate dalla buona performance vocale di Per Lengstedt.  Si assapora il profumo degli anni Ottanta e di pub fumosi con la ferale “Ageless Rites”, brano grezzo per struttura, ma che arriva dritto in testa grazie ad un ritornello particolarmente azzeccato. Il disco si chiude con “Lily”, senza dubbio l’episodio più interessante” partorito dagli svedesi. In oltre nove minuti i Portrait alternano momenti di pacate atmosfere, con rasoiate metalliche degne della miglior tradizione inglese. L’ottimo lavoro del produttore Tore Stjerna ha ulteriormente impreziosito i pezzi poiché i suoni non sono stati per nulla pompati, anzi hanno mantenuto il giusto grezzume delle produzioni ottantiane. “Crossroads”  ricorda a tutti i noi che dire Svezia non significa solo Hammerfall, power metal o melodic death metal.  Fortunatamente per la scena c’è ancora chi porta avanti con grande passione e perizia gli insegnamenti di chi l’heavy metal l’ha inventato. I Portrait hanno fatto un altro centro.

TRACKLIST

  1. Liberation
  2. At The Ghost Gate
  3. We Were Not Alone
  4. In Time
  5. Black Easter
  6. Ageless Rites
  7. Our Roads Must Never Cross
  8. Lily
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.