POWERWOLF – The Sacrament Of Sin

Pubblicato il 21/07/2018 da
voto
7.5
  • Band: POWERWOLF
  • Durata: 00:42:42
  • Disponibile dal: 20/07/2018
  • Etichetta: Napalm Records
  • Distributore: Audioglobe

Non sono molte, attualmente, le band appartenenti a un determinato filone che possono vantarsi di aver raggiunto un successo paragonabile a quello dei teutonici Powerwolf, la cui particolare e tamarra formula, tendenzialmente power metal, arricchita con inserti di musica clericale ed elementi horror, è riuscita a fare breccia nel cuore di un numero imprecisato di ascoltatori, proiettando la band in cima alle classifiche di un discreto numero di paesi. Fino ad oggi, tutti i loro album sono sempre usciti con una cadenza biennale, ma a questo giro, per la prima volta, la band ha voluto concedersi un anno in più in modo da potersi dedicare con maggiore cura al nuovo prodotto intitolato “The Sacrament Of Sin”, per il quale era abbastanza palese, sin dai primi annunci e dopo un lavoro tutto sommato prevedibile seppur di qualità come il predecessore, che i nostri cinque lupi tedeschi avessero tutta l’intenzione di fare le cose per bene e, magari, riuscire a sorprendere la critica e il pubblico.
La prima cosa che si può notare del nuovo album, oltre a una copertina che si adatterebbe benissimo per un tatuaggio da schiena dei più tamarri, è la produzione decisamente più spinta rispetto ai lavori precedenti, con un sound massiccio e dall’impatto notevole, il che non può che fare la gioia di ogni metallaro che non può sopportare di non portare le proprie orecchie al sanguinamento durante l’ascolto.
Avendo pubblicato un lungo ed esaustivo track by track non staremo qui ad analizzare ogni brano, piuttosto vogliamo far nuovamente presente che, nonostante le aspettative fossero quelle di trovarsi tra le mani un lavoro quasi identico al predecessore, dobbiamo ammettere di essere rimasti piacevolmente stupiti grazie a un songwriting che, in più di un’occasione, è riuscito non solo ad esaltarci, ma anche a sorprenderci per via delle particolare scelte adottate: un esempio perfetto di ciò che stiamo dicendo potrebbe essere il trittico composto da “Where The Wild Wolves Have Gone”, “Stossgebet” e “Nightside Of Siberia”, di cui la prima si dimostra una ballad inaspettatamente toccante, la seconda un pezzo con un retrogusto quasi industrial cantato prevalentemente in tedesco, mentre la terza rende perfettamente giustizia al titolo grazie a una musicalità e un utilizzo dei modi dal sapore squisitamente orientaleggiante; inoltre, citiamo la classicissima “Nighttime Rebel”, la quale può vantare una struttura e un utilizzo dei singoli elementi che richiama l’old school al pari di poche altre tracce nate dalla mente di Attila e soci, soprattutto a livello chitarristico. Poi, ovviamente, non mancano le tipiche tracce che trasudano Powerwolf da ogni nota, dalle iniziali e ormai ben note “Fire & Forgive” e “Demons Are a Girl’s Best Friend” fino alla velocissima e adrenalinica titletrack.
La conclusione giunge con “Fist By Fist (Sacralize Or Strike)” la quale, un po’ come i brani iniziali, ci riporta ulteriormente alla mente i Powerwolf per come li abbiamo sempre conosciuti, chiudendo senza particolari guizzi un album assolutamente notevole e, a parere di chi scrive, decisamente più ispirato e variegato del precedente “Blessed & Possessed”, il che dimostra come, a volte, avere anche solo un anno in più a disposizione per radunare e sfruttare le idee possa fare la differenza. Molti sicuramente diranno che si tratta dell’ennesimo lavoro dei lupi clericali caratterizzato dal loro solito songwriting, il che può essere vero in parte, ma non riteniamo che si tratti necessariamente di un difetto; in fin dei conti, i Powerwolf sono questi e la loro formula l’hanno trovata e consolidata ormai da anni, piaccia o non piaccia. A noi, personalmente, non dispiace affatto!

TRACKLIST

  1. Fire & Forgive
  2. Demons Are A Girl’s Best Friend
  3. Killers With The Cross
  4. Incense And Iron
  5. Where The Wild Wolves Have Gone
  6. Stossgebet
  7. Nightside Of Siberia
  8. The Sacrament Of Sin
  9. Venom Of Venus
  10. Nighttime Rebel
  11. Fist By Fist (Sacralize Or Strike)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.