PRETTY MAIDS – Motherland

Pubblicato il 15/04/2013 da
voto
7.5
  • Band: PRETTY MAIDS
  • Durata: 00:50:08
  • Disponibile dal:
  • Etichetta: Frontiers
  • Distributore:

Ecco arrivare oggi sugli scaffali dei negozi “Motherland”, il nuovo disco dei danesi Pretty Maids, il tredicesimo lavoro da studio (escludendo moltissimi EP e tre live album) in trent’anni di carriera, a tre anni di distanza dal precedente, apprezzatissimo “Pandemonium”, uscito nel 2010. Proprio da “Pandemonium” la band riparte, con l’hard rock melodico ormai virato in heavy metal melodico, e con una maggiore vena industrial a rendere il lavoro più corposo. Certo, le diverse influenze che la band danese ha attraversato nel corso degli anni comunque non sono archiviate, e spesso si fa sentire nel corso di tutta la durata di “Motherland” un certo contraccolpo quando due pezzi AOR-oriented (non propriamente, perché comunque di metal si parla) e d’ispirazione moderna e industrial si alternano, e l’idea che si potesse sistemare la tracklist in maniera più fluida non è del tutto campata in aria, ma questi sono comunque dettagli marginali. Parlando delle singole prestazioni, Ronnie Atkins al microfono è sempre lo stesso, gradevole e ruffiano quanto basta, ed ottimo è il lavoro dell’accoppiata Ken Hammer/Morten Sandager a chitarra e tastiera nell’alternare melodie smorfiose e catchy a bordate metal potenti e convincenti; giusto e senza strafare è infine l’operato della sezione ritmica, composta da Rene Shades al basso e Allan Tschicaja alla batteria; buonissimo è il songwring, che non denuncia un solo momento non all’altezza lungo tutta la durata dell’album, ed ottima e cristallina è la produzione del sempre abile Jacob Hansen. Un disco che conferma lo straordinario momento di forma della band, momento che, a dire il vero, dura da tutta la carriera dei Pretty Maids.

TRACKLIST

  1. Mother of All Lies
  2. To Fool a Nation
  3. Confession
  4. The Iceman
  5. Sad to See you Suffer
  6. Hooligan
  7. Infinity
  8. Why So Serious
  9. Motherland
  10. I See Ghosts
  11. Bullet For You
  12. Who, What, Where, When, Why
  13. Wasted
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.