PROGRESSIVEXPERIENCE – Inspectra

Pubblicato il 01/11/2013 da
voto
7.0
  • Band: PROGRESSIVE XPERIENCE
  • Durata: 01:03:42
  • Disponibile dal: 01/10/2013
  • Etichetta: Sweet Poison
  • Distributore: Self

Non sempre quando si recensisce un disco lo si riesce a capire appieno fin dai primi ascolti. Ammettiamo infatti di aver incontrato notevoli difficoltà nell’apprezzare come si merita questo “Inspectra”, terzo lavoro della progressive band fiorentina Progressivexperience. Non tanto, come spesso accade per tante band del filone progressive, a causa di un’intrinseca difficoltà di fruizione derivante dalla scrittura di queste quattrodici composizioni, quanto piuttosto per le scelte a livello di suoni, le quali purtroppo non ci hanno del tutto convinto. Solamente dopo ripetuti ascolti, riuscendo a passare oltre a scelte sonore cui i nostri padiglioni auricolari non sono abituati, siamo riusciti ad entrare nel mood del disco e abbiamo potuto quindi rivalutarlo con una mentalità più aperta. Questo è per dirvi che nell’ascoltare “Inspectra” occorre abbandonare le aspettative cui le mega-produzioni ultimamente sfruttate in ambito prog ci hanno abituato: come succedeva per i due capitoli di “Road Salt” dei Pain Of Salvation, le scelte sonore qui sono assai diverse e molto più ‘low fi’ di quanto ci aspettassimo. Ma questo non depaupera per fortuna il disco della fantasia compositiva che i Nostri sono stati in grado di riversare in questi solchi, anzi, in qualche modo questo suono povero ed elementare finisce per sposarsi bene con le fumose atmosfere noir del concept ivi narrato, ambientato nella San Francisco degli Anni ’50. Un concept cupo e plumbeo, pieno di atmosfere rarefatte e dilatate, viste come attraverso il filtro di un film in bianco e nero, atmosfere che vengono perfettamente rispecchiate dalla musica, anche essa dai toni eterei e rarefatti. “Inspectra” è un disco che nel suo incedere e nelle sue atmosfere ricorda (con le dovute proporzioni) l’immortale “A Pleasant Shade Of Grey” dei Fates Warning, e mostra la stessa tendenza di quel capolavoro ad alternare parti sospese e fragili a massicce ed elettriche aggressioni metal. La voce del singer Giovanni Valente, già presente sul primo album della band, si conferma di prima qualità, cangiante e mutevole come quella di Ray Alder: sono infatti gli echi proprio del singer dei Fates Warning stesso, di Geoff Tate e del Devon Graves degli Psychotic Waltz a mischiarsi nella sua timbrica, con un risultato certamente degno di nota e sempre adeguato ad ogni emozionale passaggio del concept. Il drumming del leader Lastrucci, seppur come già detto non supportato a dovere dalla scelta dei suoni, risulta anch’esso eclettico e fantasioso, in grado da solo di riempire adeguatamente i ‘buchi’ lasciati nei momenti di pausa delle chitarre o durante i frequenti inserti acustici. “Inspectra” è appunto un disco che preferisce lavorare a livello dell’integrazione degli strumenti e alla creazione di un atmosfera retrò, lugubre e noir, che faccia da cornice al dramma d’amore che si consuma su questi solchi acustici. Un album più poetico che d’impatto, dai colori sfumati piuttosto che accesi; un album che, come detto all’inizio, va apprezzato dopo ripetuti ed attenti ascolti. Certo, avesse goduto di una scelta di suoni migliore non avremmo avuto dubbi ad inserire “Inspectra” fra gli Hot Album della settimana, ma così come è… rimane un bel disco, apprezzabile però da una cerchia minore di utenti.

TRACKLIST

  1. 1958
  2. Madness Off Illusion
  3. Something Like Death
  4. Velvet Sky
  5. Inspectra
  6. San Francisco
  7. Silent Secrets
  8. Trial Of Fear
  9. Into Abeyance
  10. Somewhere In Time
  11. Black Clouds
  12. Deafening Silence
  13. Cellar Door
  14. The End Of A Day
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.