PROPHETS OF RAGE – The Party’s Over

Pubblicato il 22/11/2016 da
voto
4.5
  • Band: PROPHETS OF RAGE
  • Durata: 00.21.12
  • Disponibile dal: 08/26/2016
  • Etichetta: Caroline Records
  • Distributore: Universal

Non perdoneremo mai a Zack De La Rocha di aver perso la monumentale occasione della candidatura Trump per far rivivere, almeno dal vivo, i Rage Against The Machine. Morello, Commerford e Wilk se ne son fatti in qualche modo una ragione invece, assumendo Chuck D e B-Real, leggende intoccabili del mic consegnate alla storia per l’operato di Public Enemy e Cypress Hill, per dar vita in qualche modo a questo stiracchiato ‘piano B’ intitolato Prophets of Rage. “The Party Is Over” da tutto nella prima traccia, comunque lontana dal potere incendiario di qualsiasi pezzo dei RATM, per poi perdersi in una title track totalmente inascoltabile, con attori spaesati, demotivati e totalmente fuori contesto tanto da ferire chiunque abbia familiarità con l’operato sovversivo e rivoluzionario di Rage e Public Enemy: la band fa il compitino senza mai stupire, Chuck D si esibisce al rallenty e non è in grado di tirar fuori nemmeno un sincero ‘motherfucker’, B Real è completamente in difficoltà, sia quando c’è da prender le parti di Flavor Flav o di Zack De La Rocha che quando dovrebbe essere semplicemente se stesso. Anche pezzi immortali come “Shut ‘Em Down” (da “Apocalypse 91…” dei P.E., fusa con “Guerrilla Radio” dei Rage) e il mashup di “Fight the Power”/”No Sleep Till Brooklin” (Beastie Boys) hanno la stessa carica reazionaria del nu metal seriale da corporation, aggravante imperdonabile per gli attori coinvolti. Musicalmente parlando questo EP è un fallimento epocale, pari a quello degli statistici alle prese con la brexit e le presidenziali USA. Non possiamo che sperare che l’attività live migliori il loro affiatamento…

TRACKLIST

  1. Prophets of Rage
  2. The Party’s Over
  3. Killing in the Name (live)
  4. Shut ‘Em Down (live)
  5. No Sleep ‘Til Cleveland (live)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.