PROVOCATOR – Antikristus

Pubblicato il 19/01/2015 da
voto
6.0
  • Band: PROVOCATOR
  • Durata: 00:28:30
  • Disponibile dal: 19/08/2014
  • Etichetta: Moribund Records
  • Distributore:

Non si può chiedere ai Provocator, solo project di Hellscream (cantante degli sloveni Bleeding Fist), una minima pulizia del suono, dei testi moderati ed una musica razionale. Con questa release ritorniamo, o se preferite ‘rimaniamo’, al raw black metal degli inizi, con un sound pessimo e grezzo, una costruzione dei brani senza alcun disegno specifico. Il concetto di evoluzione non appartiene nè ad Hellscream nè all’altra sua band, i Bleeding Fist. La differenza sonora dei due gruppi non è abissale, nei Provocator sembra ancora più povera di contenuti, ma animata da un’innata sincerità verso la musica bestiale ed estrema. Il metal in Slovenia conserva ancora un notevole fascino old school, la musica viene vissuta in maniera genuina più che altrove. La sincerità del prodotto qui non si discute, c’è invece da ridire sulla qualità del prodotto che a tratti è oggettivamente scarsa. Alcuni brani sembrano esser stati vomitati direttamente dall’underground degli ultimissimi anni ’80, sia per quel che riguarda il sound scatolare e grezzo che per quanto concerne il miscuglio torbido di vari sottogeneri extreme metal in quel periodo molto volubili. I Provocator hanno meno parti black metal (inteso nel senso più lato del termine e non riferito soltanto a quello sviluppatosi in Norvegia) rispetto ai Bleeding Fist e ci sono molti assoli di chitarra improvvisi (e forse improvvisati) come andava tanto in voga in quel periodo così particolare. A chi può interessare un prodotto che in fatto di novità, evoluzione del sound e personalità ha davvero poco da offrire? Magari a qualcuno che vuole tornare allo spirito perduto della musica underground veramente estgrema, quando i gruppi si divertivano a suonare musica violenta e basta, senza altri obiettivi, senza voler inserire parti melodiche o soluzioni accomodanti. Un prodotto in realtà mediocre, ma genuino e per questo non merita di essere giudicato negativamente anche perchè in un paio di brani l’headbanging viene in automatico…

TRACKLIST

  1. Let Jesus Fuck You
  2. Unholy Rape Of The Holy Whore
  3. 7 Storms Of Eternal Damnation
  4. Conqueror Of Blasphemous Revenge
  5. Profanation Of The Cross
  6. Kirkebrann
  7. Black Star Of Lucifer
  8. Antikristus
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.