QANTICE – The Anastoria

Pubblicato il 30/04/2019 da
voto
6.5
  • Band: QANTICE
  • Durata: 00:57:14
  • Disponibile dal: 26/04/2019
  • Etichetta: Pride & Joy Music
  • Distributore: Audioglobe

Symphonic power metal spinto fino all’estremo, ecco i Qantice! Il gruppo francese fa parte di quell’ondata di band che ha preso come spunto principale i nostri Rhapsody, in particolare quelli degli esordi, cercando di evolvere il proprio sound accentuando ancora di più il lato orchestrale. Anche in questo nuovo “The Anastoria”, terzo disco in carriera, si notano fin da subito importanti sinfonie ed una dose massiccia di tastiere che avvolgono costantemente ogni singolo momento della tracklist, a discapito delle chitarre poste spesso in secondo piano. Il tutto è accompagnato naturalmente dalla voce celestiale del singer di turno, che in questo caso risponde al nome di David Akesson (Aldaria, Vivaldi Metal Project, Six Foot Six, ex Moonlight Agony), che si muove su melodie ariose e teatrali. Durante l’ascolto di questi brani non è sempre facile incontrare soluzioni interessanti, fresche e che non annoino; dopotutto queste sonorità sono state proposte e riproposte fin troppo negli ultimi anni da tutte quelle band che hanno scelto di percorrere questo filone musicale. I Qantice talvolta si dilungano eccessivamente in passaggi orchestrali ma riescono in ogni caso a presentare qualche brano di qualità, in particolare quando decidono di mettere piede sull’acceleratore con pezzi diretti come “Once Upon A Sun” e “River’s Can’t Fly”. Positiva anche la suite “Timeline Tragedy”, song che mette in mostra le capacità di questi musicisti presentando cambi di tempo e calde melodie ma alla quale manca un po’ di verve per fare davvero centro. I Qantice hanno ancora parecchia strada da fare per raggiungere il top nel genere ma questo “The Anastoria” è senza dubbio un disco ben confezionato, seppur riservato esclusivamente ai cultori di queste sonorità.

TRACKLIST

  1. Gone Astray
  2. Once Upon A Sun
  3. Without A Hero
  4. Petrified Manor
  5. River’s Can’t Fly
  6. Cosmic Sway
  7. Little Knight’s Oath
  8. Fractal Universe
  9. Krooner
  10. Timeline Tragedy
  11. Mad Clowns
  12. Farewell To The Edge Of The World
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.