QRIXKUOR – Three Devils Dance

Pubblicato il 05/05/2016 da
voto
7.0
  • Band: QRIXKUOR
  • Durata: 00:38:22
  • Disponibile dal: 04/30/2016
  • Etichetta: Invictus Productions
  • Distributore:

Per chi ha molta confidenza con la scena underground, il nome Qrixkuor non dovrebbe essere completamente sconosciuto. Nel sottobosco europeo – e quindi per un pubblico ristretto ma fedele – il gruppo death metal britannico si è già fatto conoscere con un paio di demo rilasciati tra il 2014 e il 2015, entrambi alfieri di un suono a dir poco crudo e riverberato, non così distante da quanto sono soliti proporre gli australiani Grave Upheaval. Con questa prima uscita ufficiale, il misterioso quartetto di Londra compie però un piccolo passo verso la ricerca di uno stile un filo più digeribile, optando per una resa sonora maggiormente chiara (per gli standard di questo filone) e, in generale, per una proposta musicale che, a dispetto dell’importante durata delle singole tracce, sembra volere tendere una mano all’ascoltatore occasionale, offrendo qualche appiglio melodico e un lavoro di chitarra tutto sommato comprensibile. Insomma, mentre si ascolta questo “Three Devils Dance” è effettivamente possibile percepire riff e dinamiche, mentre in passato la band era solita concepire la propria musica come una pura espressione di alienazione, paranoia e schizofrenia, avvalendosi di suoni fangosi e spesso rifuggendo totalmente qualsiasi principio musicale. Oggigiorno molte realtà scelgono questo tipo di approccio e sovente si ha la netta impressione che ciò avvenga per mascherare una generale carenza di idee e talento, oppure per ostentare chissà quale attitudine elitaria e pseudo-underground. Sino ad oggi i Qrixkuor potevano rischiare di venire inseriti in tale categoria, ma “Three Devils Dance” ci presenta un gruppo che ha potenziale e che non sembra intenzionato a nascondere quest’ultimo dietro inutili estremismi. Di certo ad oggi l’EP in oggetto rappresenta il vertice della ancora breve parabola artistica del quartetto: non sappiamo se il perfetto punto d’arrivo, ma sicuramente un promettente inizio. I Nostri  danno sfogo alla propria anima ritualistica attraverso lunghe composizioni, non dimenticandosi però – come già accennato – di sottolineare a dovere riff e cambi di tempo. Il death metal non è solo un appellativo buttato lì, ma una base solida e concreta, dalla quale i Qrixkuor partono per poi svilluppare le loro folli riflessioni. Chi ha familiarità con l’operato di Grave Miasma e Irkallian Oracle avrà già intuito dove questi inglesi stanno andando a parare…

TRACKLIST

  1. Serpent's Mirror
  2. Crypt of Illusions Bane
  3. The Divine Architect
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.