R.I.P. – In The Wind

Pubblicato il 23/03/2017 da
voto
7.0
  • Band: R.I.P.
  • Durata: 00:53:46
  • Disponibile dal: 03/02/2017
  • Etichetta: RidingEasy Records
  • Distributore:

Streaming:

I R.I.P. nascono nel 2012 a Portland, Oregon e, dopo la pubblicazione di un demo risalente allo stesso anno, arriva finalmente il tanto agognato disco di debutto. La proposta musicale del nuovo “In The Wind” è un retro rock/metal molto pesante, psicotico ed influenzato da formazioni doom come Pentagram, Cathedral e Candlemass. La differenza principale con le formazioni appena citate va cercata nei suoni, in particolare le chitarre possiedono una forte acidità presa in prestito dallo stoner più pesante. “In the Wind pt.1” si mantiene su tempi abbastanza veloci, che risaltano le linee vocali fredde e sinistre intonate da Fuzz, cantante che non brilla per tecnica, ma la cui enfasi nell’interpretare i testi colpisce sin dal primo ascolto. “Tremble” prende riff di scuola heavy metal e li imbastardisce con suoni che potrebbero ricordare i dischi degli Sleep. Anche in questo caso i tempi andanti fanno di questo brano un perfetto esempio di heavy doom di vecchia scuola, mentre con i suoi sette minuti e mezzo di durata “Smoke & Lightning” punta sulla componente cerebrale a suon di riff acidi ed evocativi, ripetuti più e più volte come a voler stordire l’ascoltatore. Ottimo il lavoro alla chitarra solista di Angel Martinez, chitarrista essenziale, ma capace di sviluppare assoli di buon gusto. “In the Wind pt.2” spinge su un sound figlio dei Candlemass in cui sono le parti vocali ad emergere, e Fuzz sembra intento a gridare tutto il suo disagio e terrore direttamente da un girone infernale. L’unico momento leggero di questo disco arriva con la breve strumentale “Tombstone”, un intermezzo che permette di riprendere fiato prima che con “Brave In The Grave i R.I.P.” i Nostri tornino a picchiare pesante come in una potente canzone doom di stampo sabbathiano. Il sipario viene chiuso da “In The Wind pt.3”, uno stoner doom lento e malato dove le chitarre sembrano piangere lacrime di sangue. Gli americani hanno confezionato un discreto di debutto, ancora siamo lontani dal capolavoro, ma i R.I.P. hanno dimostrato di possedere idee molto buone che in futuro potrebbero riservarci delle belle sorprese.

TRACKLIST

  1. The Scythe
  2. In the Wind Pt. 1
  3. Tremble
  4. Black Leather
  5. Smoke & Lightning
  6. In the Wind Pt. 2
  7. Bereaved
  8. Tombstone
  9. Brave in the Grave
  10. In the Wind Pt. 3
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.