RAUNCHY – A Discord Electric

Pubblicato il 09/11/2010 da
voto
8.0
  • Band: RAUNCHY
  • Durata: 01:00:00
  • Disponibile dal: 12/10/2010
  • Etichetta: Lifeforce Records
  • Distributore: Andromeda

Streaming:

Siete a corto di sali minerali o, come Jason Statham in Crank, avete bisogno di una bella botta di adrenalina? Niente paura, il rimedio ce l’abbiamo noi e si chiama "A Discord Electric", attesissimo comeback dei danesi Raunchy. Partiti in sordina con un paio di album – "Velvet Noise" e "Confusion Bay" – un po’ troppo acerbi, i nostri si sono poi ripresi alla grande grazie a due platter di assoluto spessore come "Death Pop Romance" e "Wasteland Discotheque", in grado di proiettare il sestetto ai vertici della scena modern metal nella personale classifica di chi scrive. Un primato rafforzato dal quinto lavoro, ennesimo tassello di quel binomio potenza/melodia portato alla ribalta a cavallo del terzo millennio da gruppi quali di Fear Factory, In Flames e Soilwork ma oggi incarnato alla perfezione dal sestetto danese, campione incotrastato nel coniugare l’aggressività delle chitarre con inserti elettronici in un mix di futuristic hybrid metal – più prosaicamente detto ‘truzzo metal’ – ruffiano come una ballerina di lap dance in calore e carico di groove come un buttafuori imbottito di steroidi. Pescando a caso in una tracklist mai così variegata e del tutto scevra dal concetto di filler, spiccano nel lotto gli episodi più anthemici, facilmente riconoscibili già dal nome ("Rumors Of Workship", "Nght Prty", "Street Emperor", "Shake Your Grave", "Tiger Crown", "Ire Vampire") e perfettamente adesivi alla corteccia cerebrale, sulle cui sinapsi avranno l’effetto di un propellente non convenzionale versato nel serbatoio di una Uno Abarth. Accanto a questi fanno poi la loro comparsa alcune, se pur lievi, variazioni sul tema: l’armonica a bocca, dal sapore vagamente western, posta in apertura di "Blueprints For Lost Sounds", la melodia scanzonata di "Big Truth" o le atmosfere più dilatate di "Gunslingers And Tombstones" sono tutti sinonimi di una band in continua evoluzione e ormai degna di assurgere, per lo meno nel ruolo di Ganimede, all’Olimpo del Metal. Perchè i Raunchy non avranno l’appeal commerciale degli Avenged Sevenfold, l’impatto mediatico degli Slipknot o l’hype modaiolo degli Enter Shikari ma, quando si tratta di spaccare il culo, non sono davvero secondi a nessuno. Il futuro del metal, o il metal del futuro, passa anche da qui.

TRACKLIST

  1. Dim The Lights And Run
  2. Rumors Of Workship
  3. Nght Prty
  4. Street Emperor
  5. Blueprints For Lost Sounds
  6. Shake Your Grave
  7. Tiger Crown
  8. Big Truth
  9. The Great Depression
  10. The Yeah Thing
  11. Ire Vampire
  12. Gunslingers And Tombstones
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.