REBELLION – Born A Rebel

Pubblicato il 08/05/2003 da
voto
5.0
  • Band: REBELLION
  • Durata: 00:53:10
  • Disponibile dal: 08/05/2003
  • Etichetta: G.U.N. Records
  • Distributore: Pulse Promotion

Ai tempi di “Shakespeare’s Macbeth” c’erano da sperare grandi cose per i Rebellion, la nuova incarnazione dei due ex Grave Digger Uwe Lulis e Tomi Gottlich: il loro old school metal teutonico comportava sì ampi margini di miglioramento, ma le buone idee si vedevano, eccome! L’eccitazione per l’uscita di “Born A Rebel” è, ahimé, subito scemata a causa dell’evidente mancanza di ispirazione che traspare da ogni singolo brano contenuto nell’album. La regola principale è costutuita da mid upper tempos, mai esasperati a tempi ultra veloci, in cui prepotenti si impongono i massicci riff di Uwe Lulis ed il cantato efficace di Michael Seifert… peccato che nessun singolo pezzo riesca mai ad “esplodere” quella forza, quel grado di coinvolgimento che ogni band metal che si rispetti dovrebbe riuscire a trasmettere. Molti i brani che si somigliano l’un l’altro, tutti spompi, tutti tristemente anonimi. La prova dei Rebellion finisce così per lasciare l’amaro in bocca a chiunque fosse alla ricerca di una valida alternativa a Chris Boltendhal ed i suoi Grave Digger, colpevoli anch’essi di non essere più in grado di bissare i fasti del passato. Non ci siamo proprio, “Born A Rebel” non è assolutamente all’altezza del nome Uwe Lulis, ed ha la colpa di mandare in fumo tutto il buon  lavoro che i Rebellion hanno compiuto con il loro disco d’esordio, nonché di gettare una cupa ombra sul futuro della band. Evitate, gente!

TRACKLIST

  1. Born A Rebel
  2. Adrenalin
  3. One For All
  4. Word Is War
  5. Dragons Fly
  6. Queen Of Spades
  7. Iron Flames
  8. Through The Fire
  9. Devils Child
  10. Meet your Demon
  11. Power Of Evil
1 commento
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.