REBELLION – We Are The People

Pubblicato il 06/08/2021 da
voto
6.5
  • Band: REBELLION
  • Durata: 00:53:11
  • Disponibile dal: 23/07/2021
  • Etichetta:
  • Massacre Records
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

I tedeschi Rebellion – nati originariamente dai due ex-Grave Digger Uwe Lulis e Tomi Göttlich – calcano la scena da ormai un paio di decenni; un tempo abbastanza lungo condito da diverse release sempre dedite ad un heavy metal classico di scuola prettamente teutonica (gli stessi Grave Digger e Accept le principali ispirazioni). Questo nuovo “We Are The People” resta principalmente ancorato alle solite coordinate stilistiche dove la band si destreggia, potente e decisa, attraverso una dozzina di composizioni costruite sui riff possenti dei due axemen Fabrizio Costantino e Martin Giemza e la voce ruvida del frontman Michael Seifert, ma presenta anche qualche novità. Il nono studio album del gruppo tedesco è un concept dedicato alla Rivoluzione Francese che parte in pompa magna con l’impatto prorompente di “Risorgimento (Tear Down The Walls)” e della successiva “Liberté, Égalité, Fraternité”, passando per le atmosfere più oscure e cupe di “Vaterland” e “Shoa (It Could Have Been Me)”. Un po’ di aria fresca si respira durante alcuni passaggi maggiormente ricercati che presentano una struttura più dinamica, vedi la sofferta “All In Ruins”, chiaro segno di un lavoro attento in fase di songwriting. Ma quel che resta dall’ascolto è soprattutto il livello di aggressività, che rimane sempre elevato, anche grazie ad una produzione corposa e moderna.  Esemplare a tal senso l’accoppiata formata dalle robuste ed energiche “Verdun” e “Ashes To Light”.
Apprezzabile lo sforzo della band nel cercare qualche nuova soluzione, ma manca sicuramente del coinvolgimento in almeno alcuni dei brani presenti durante la tracklist. “We Are The People” non è un disco essenziale, ma un’opera più che onesta per ogni amante del metallo di scuola teutonica.

TRACKLIST

  1. Voices Of War
  2. Risorgimento (Tear Down The Walls)
  3. Liberté, Égalité, Fraternité
  4. Sweet Dreams
  5. Vaterland
  6. Verdun
  7. Ashes To Light
  8. Gods Of War
  9. Shoa (It Could Have Been Me)
  10. World War II
  11. All In Ruins
  12. We Are The People
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.