RESURRECTURIS – Non Voglio Morire

Pubblicato il 10/06/2009 da
voto
6.5
  • Band: RESURRECTURIS
  • Durata: 00:49:29
  • Disponibile dal: 27/04/2009
  • Etichetta: Casket Music
  • Distributore: Audioglobe

Erano parecchi anni che non avevamo notizie dei death metaller marchigiani Resurrecturis: l’ultimo studio album, infatti, risaliva addirittura al 2004 e si trattava dell’ottimo “The Cuckoo Clocks Of Hell”. Ora, sempre guidati saldamente dal chitarrista Carlo Strappa, i ragazzi si ripresentano sul mercato con questo “Non Voglio Morire”, patrocinato dalla britannica Casket. La line up attuale della band è stata rivoluzionata rispetto al passato e vede l’ingresso in formazione di Manuel Coccia al basso e Alessendro Vagnoni degli Infernal Poetry alla batteria. La proposta musicale dei Resurrecturis è piuttosto eterodossa, anche se i tre filoni principali riscontrabili nella loro musica fanno capo al death melodico di matrice svedese, al thrash americano e a un death maggiormente brutale e di concezione abbastanza moderna. Vi sono poi dei brani, come ad esempio “The Artist”, “Calling Our Names” o la conclusiva “In Retrospective” che si discostano completamente dal resto: la prima è un brano tenue e delicato che si destreggia tra il trip hop ed il gothic, la seconda è una power ballad ottantiana, mentre l’ultima traccia citata è una classica ballatona d’altri tempi, peraltro piuttosto mal riuscita. Il resto può tranquillamente essere etichettato come un ibrido tra i Soilwork, i misconosciuti finlandesi Gandalf, gli At The Gates, i Kataklysm, i Dismember e un tocco di melodia metalcore che di questi tempi pare quasi imprescindibile. Le prime quattro tracce del lavoro, “Prologue” esclusa, riescono a colpire nel segno, grazie soprattutto al guitar work molto death-oriented. Dopo la già citata “The Artist” le composizioni perdono parecchio di mordente e a tratti risultano piuttosto sciatte, come la banale “Save My Anger”.  Pare quasi che i ragazzi abbiano voluto accantonare la cattiveria death per puntare maggiormente su melodie non sempre azzeccate. Le prove dei singoli sono piuttosto buone, anche se le clean vocals di Janos sono da rivedere in toto. L’artwork è davvero ottimo, uno dei migliori che ci sia capitato di vedere negli ultimi tempi; il DVD allegato al lavoro non aggiunge né toglie nulla a quanto già detto. In definitiva i Resurrecturis si fanno del male da soli con la loro smania di mettere troppa carne al fuoco e la ricerca esasperata di melodie. I ragazzi rimangono dei soggetti da tenere d’occhio, ma la magia sprigionata dai solchi di “The Cuckoo Clocks Of Hell” viene ripresa solo in minima parte da “Non Voglio Morire”.

TRACKLIST

  1. The Origin
  2. Prologue
  3. Fuck Face
  4. Corpses Forever
  5. The Artist
  6. Save My Anger
  7. Calling Our Names
  8. After The Show
  9. The Fracture
  10. Away From The Flock
  11. Where Shall I Go From Here?
  12. Walk Through Fire
  13. In Retrospective
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.