RESURRECTURIS – The Cuckoo Clocks Of Hell

Pubblicato il 13/09/2004 da
voto
7.0
Streaming non ancora disponibile

Dopo una pausa forzata dovuta ad un terribile incidente stradale e ad alcuni cambi di lineup, tornano finalmente gli italianissimi Resurrecturis con il loro secondo full length album, “The Cuckoo Clocks Of Hell”. Registrato nel 2001, il disco vede solo ora la luce grazie esclusivamente agli sforzi della band stessa, che ha deciso di procedere con la pubblicazione nonostante sia priva del supporto di una label. I Resurrecturis segnano dunque il loro come back con questi nuovi trentacinque minuti di musica (tra l’altro scaricabile gratuitamente dal loro sito!) che miscela death metal ed elementi thrash ed hardcore, il tutto caratterizzato da una atmosfera fortemente oscura e maligna che per certi versi richiama quella di certe produzioni doom/sludge. Il sound non presenta particolari affinità con nessuna determinata band e questo è senz’altro un grosso pregio dei Resurrecturis, i quali se la cavano molto bene anche a livello di songwriting. Gran parte dei pezzi della tracklist sono infatti ispirati e davvero ben costruiti, impreziositi dall’ottima ugola del singer Ivan, dotato anche di una voce pulita più che dignitosa! I brani migliori sono senza dubbio i primi quattro (ovvero i più aggressivi), con una menzione speciale per “Living Reification”, mentre stentano un po’ a decollare “Sleping Reason” e “In Art’s Death”, un po’ troppo dispersive. Una produzione piena e molto curata e un artwork veramente inquietante rappresentano infine altri due punti a favore di questo buon lavoro. Per i Resurrecturis c’è sicuramente ancora da limare qualcosa ma, alla luce degli ottimi risultati raggiunti in sei degli otto brani qui proposti, non si può proprio far altro che gioire del loro ritorno.

TRACKLIST

  1. The Last Sun
  2. The Hate
  3. Living Reification
  4. Inversion Perversion
  5. Sleeping Reason
  6. In Art’s Death
  7. Helmet Logic
  8. I Corpi Privi Di Vita
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.