REVEAL! – Doppelherz

Pubblicato il 10/12/2021 da
voto
7.0
  • Band: REVEAL!
  • Durata: 00:45:24
  • Disponibile dal: 10/12/2021
  • Etichetta:
  • Sepulchral Voice

Spotify:

Apple Music:

Cosa potrebbe raccontare un uomo venuto dal futuro che ha viaggiato nel tempo, visto nuovi mondi e cambiato la concezione di intendere la vita? La risposta, seppur fantasiosa, si riassumerebbe in un delirio psichico irreversibile all’interno del quale fermenterebbero un’infinità di stati d’animo contrastanti. Ascoltando il nuovo album dei Reveal! si ha proprio la sensazione di ritrovarsi in un universo estraneo, proiettato in una realtà distopica. Le molteplici alterazioni sonore, progettate dal quartetto svedese, disegnano un disco labirintico colmo di sfumature che ne sfocano il percorso e, soprattutto, la via d’uscita. “Doppelherz” è la quarta fatica di una band attiva dal 2006 sotto il moniker di Waster che si è evoluta cambiando dapprima il nome e poi i suoni. I Nostri, negli anni, hanno saputo mettere insieme egregiamente generi come death, black e thrash metal sviluppando un progetto musicale di un certo spessore. Il death-thrash del primo album “Nocturne Of Eyes And Teeth” viene presto accantonato nel successivo “Flystrips” a favore di un ruvido black metal riproposto, in chiave più melodica, nel terzo full-length “Scissorgod” del 2019. “Doppelherz”, pur rimanendo in campo black, assume una forma meno delineata sotto l’aspetto sonoro: sulla loro matrice oscura i Reveal! inseriscono una serie di oscillazioni psichedeliche che mutano l’aspetto di ogni singola traccia. Nonostante ciascun brano contenga elementi esaltanti e chicche estrose, il disco va fatto girare più volte per poter assimilare le numerose pagine sonore scritte e codificate dalla band. Dal cuore pulsante di “Doppelherz” si dirama un heavy metal capillare, inquinato da elementi black e trame melodiche ripetitive che danno nutrimento e fluidità ad ogni singola traccia. “Cokkkfights”, “Angel’s Bend” e “Stalactites” sono i brani meglio riusciti del lotto nei quali si manifestano, come fossero poltergeist, le creature sonore più contorte che scaraventano la loro rabbia sui ruvidi muri di quest’opera. Ogni elemento che compone “Doppelherz” cambia continuamente la propria forma: il growl graffiante diventa voce narrante, le ritmiche accelerate frenano improvvisamente, l’adrenalina si scioglie in malinconia mentre la luce abbagliante della violenza viene divorata dall’ombra della psichedelia. Per quanto possa essere irrilevante ai fini del risultato finale il nuovo album dei Reveal! non è facile classificare. Durante l’ascolto emergono elementi che ricordano le magiche sonorità dei Master’s Hammer, quelle più moderne dei connazionali Jordablod e quelle più malsane degli Oranssi Pazuzu come dimostra la finale titletrack. Complessivamente “Doppelherz” è un buon album sebbene ci sia qualche pezzo più debole degli altri che ne favorisce la durata a discapito del contenuto. L’allucinazione dei Reveal! dura poco più di quarantacinque minuti ma il tempo, si sa, è relativo, in particolar modo se si attraversano numerose dimensioni. Che sia un buon viaggio dunque, musicalmente parlando.

TRACKLIST

  1. Cocoon (Bitch Regalia)
  2. Inshallah
  3. Cokkkfights
  4. Angel’s Bend
  5. Clearly, God Damn
  6. Stalactites (When Cast Down the Mountain)
  7. Mal Aria
  8. Bags of Shine
  9. Some Marionettes, Some Kites (A Few Knives)
  10. Doppelherz
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.