REVENGE – Strike.Smother.Dehumanize

Pubblicato il 26/05/2020 da
voto
8.5
  • Band: REVENGE
  • Durata: 00:36:50
  • Disponibile dal: 22/05/2020
  • Etichetta: Season Of Mist
  • Distributore: Audioglobe

Spotify:

Apple Music:

Torna il battaglione della morte Revenge con una nuova release ufficiale, la sesta di lunga durata e la terza (se si considera anche il breve Ep “Deceiver.Diseased.Miasmic”) per Season Of Mist, etichetta di spessore che ha deciso di puntare sul temibile progetto canadese donandogli una visibilità ed un interesse generale ormai da gruppo di prima classe. Mentre molti dei fan della prima ora si erano preoccupati circa un possibile ammorbidimento del gruppo una volta passati ad una “major” di settore, i Revenge stessi sembrano schernire questo pericolo a suon di musica tellurica ed abominevole, per niente intenerita ed anzi più arcigna e velenosa che mai in queste nuove dieci canzoni. Lo stile infatti, rimane quello assolutamente riconoscibile ed inimitabile a cui il padre/padrone Jeams Read ci ha abituato negli ultimi venti anni di esistenza della band, senza possibili appigli o indugi più leggeri che scalfiscano la corazza indistruttibile della sua creatura. Le uniche differenze, se si volessero trovare, risiedono oggi in un mix generale lievemente più curato, che permette ad esempio alle chitarre ed al basso di emergere più nitidamente nel sound assassino sprigionato in scaletta, una soluzione che peraltro non fa altro che rendere ancora più temibile ed oscuro il risultato sonico della tracklist e finendo per rendere questo olocausto musicale più violento che mai, invece che smussare le numerose asperità volutamente disseminate lungo lo scorrere delle canzoni. Strutturalmente inoltre, è impossibile non notare una predisposizione versi i tempi medi e lenti notevolmente aumentata rispetto al passato, sorta di malefico indugio verso un “necro-doom” che finisce per schiacciare l’ascoltatore sotto un pesante panzer di violenza ed esasperazione, prima di ripartire in quarta con i blast beat forsennati e frastagliati accompagnati dalle linee vocali spezzate e urticanti da sempre marchio di fabbrica del combo canadese. Ancora una volta, i generi musicali del black, del death, del grindcore e del doom metal, vengono smembrati, divorati ed assimilati dai Revenge secondo grammatiche (anti)musicali del tutto personali, schemi (il)logici chiari solamente nelle menti del loro creatore ma assemblate ormai con una perizia ed una conoscenza qualitativamente eccelsa, finendo per creare un gioiello dalla longevità incessante e dal carattere totalmente eccentrico, rientrando in definitiva entro un piano diabolico congegnato da Read in maniera impeccabile. Lungi quindi dal rivelarsi un semplice esercizio di crudeltà fine a se stessa, “Strike.Smother.Dehumanize” rivela un messaggio empio ed ostile di lunga gittata, perfettamente in linea con il voluto immobilismo stilistico perpetrato dai primi anni del Duemila da questa unica formazione di morte. Questo disco è pura energia negativa, oltranzismo sonoro non adatto a poser e deboli di cuore ed ideato per colpire nel profondo, soffocare ogni impeto vitale e de-umanizzare nel più truce dei modi un mondo corrotto e disperato.

TRACKLIST

  1. Reaper Abyss (Real Rain)
  2. Reign Power (Above All Born)
  3. Oath Violator
  4. Salvation Smothered (Genocide Of Flock)
  5. Human Animal
  6. Excommunication
  7. Lightning Mythos
  8. Self Segregation (System Torched)
  9. Death Hand (Strike Dehumanization)
  10. Apostasy Imposed (Takeover Mode)
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.