RHAPSODY OF FIRE – Live In Canada 2005 – The Dark Secret

Pubblicato il 01/02/2006 da
voto
8.0
  • Band: RHAPSODY OF FIRE
  • Durata: 01:00:03
  • Disponibile dal: 23/01/2006
  • Etichetta: SPV Records
  • Distributore: Audioglobe

Dei Rhapsody si è detto tutto e il contrario di tutto. Si sono avvicendate sul loro conto leggende, calunnie e quant’altro, fin dai primi mesi dopo la pubblicazione del debutto “Legendary Tales” nel 1997. Tra le varie teorie, la più tenace sosteneva che la band triestina fosse una band costruita a tavolino, e sembravano trovare una dimostrazione con la sua assenza dai palchi. Dopo “Symphony Of Enchanted Lands” la band ha zittito tutti, unendosi ai Sonata Arctica e agli Stratovariusin un tour europeo che ha toccato anche l’Italia. La band era ancora impacciata (Fabio Lione su tutti), ma la cosa è comprensibile data la complessità nel riproporre i pezzi dal vivo, tra sample, click per la batteria e quant’altro. Poi un altro tour, questa volta da headliner, di supporto a “Power Of the Dragonflame”, e qui la storia cambia. Una band molto professionale, affiatata, per un tour di discreto successo. Poi è arrivato il nuovo management, e finalmente i Rhapsody hanno cominciato a pensare in grande. Il buon Joey DeMaio è riuscito a convincere i Nostri a registrare una data del tour del 2005, per trasformarla in questo “Live In Canada 2005 – The Dark Secret”, e fin dal primo ascolto possiamo affermare come tale scelta si sia rivelata azzeccata. L’album verte su alcuni dei pezzi più belli della band triestina, concentrandosi come è ovvio sugli ultimi lavori (manca purtroppo “Warrior Of Ice”; sarà per la prossima volta). Il sound è perfetto, l’esecuzione è impeccabile (forse un po’ troppo), tanto da rendere l’ipotesi di un ritocco in studio insistentemente verosimile. Luca Turilli snocciola sweep ed assoli degni del suo immenso talento, Alex Staropoli si rende partecipe in alcuni frangenti di buonissimi passaggi, Holzwarth supporta il tutto con la sua tecnica sopraffina. Ma la scena è tutta di Fabio Lione, ora diventato un vero leone del palcoscenico (il gioco di parole leone/Lione non è voluto, ma ci sta bene). Basta ascoltarlo in “Lamento Eroico”, ed “Unholy Warcry”, dove esplora con la sua ugola atmosfere diametralmente distanti, dal calore epico della prima allo sfrenato screaming della seconda. Non vogliamo credere che i ritocchi in studio nel suo caso siano stati numerosi, bensì vogliamo immaginare, come può presumibilmente essere, che Fabio da professionista quale è abbia avuto quel miglioramento sperato proprio nel frangente live, da sempre il suo tallone di Achille. Una performance vincente, quindi, assolutamente un must per i fan dei mighty warriors, non foss’altro per la ormai consueta intro del solito Christopher Lee, per la perfetta esecuzione dei pezzi e per i buffi siparietti di Lione impegnato a comunicare in francese con il pubblico. Uno dei migliori gruppi italiani per chi scrive (se ancora si può definire italiano, visti session, manager ed entourage), che con questo live dimostra di che pasta è fatto. Ricordiamo che l’edizione limitata dell’album conterrà un DVD bonus contenente estratti dal backstage ed altro materiale, una preview del vero DVD live che uscirà più avanti.

TRACKLIST

  1. The Dark Secret
  2. Unholy Warcry
  3. Wisdom Of The Kings
  4. The village Of Dwarves
  5. Erian`s Mystical Rhymes
  6. Lamento Eroico
  7. Dawn Of Victory
  8. Nightfall On The Grey Mountains
  9. The March Of The Swordmaster
  10. Emerald Sword
  11. Gran Finale
0 commenti
I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di Metalitalia.com e dei moderatori eccetto i commenti inseriti dagli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di Metalitalia.com hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di Metalitalia.com invita ad un uso costruttivo dei commenti.